logo
Stai leggendo: “Troppo Grasso Per Ballare”, Deriso sul Web Hollywood Lo Difende

"Troppo Grasso Per Ballare", Deriso sul Web Hollywood Lo Difende

"Troppo grasso per ballare!" Un uomo è stato fotografato e deriso perchè considerato troppo obeso e goffo per muoversi in pista. Da zimbello del web a idolo dei divi di Hollywood e della Musica che organizzano una festa in suo onore.
(foto: Web)
(foto: Web)

Una storia triste e che fa male, perchè ci si riempie la bocca di mille belle parole e poi in realtà certi pregiudizi non muoiono mai.
La storia è questa:

Un utente anonimo del sito di condivisione di immagini 4chan ha postato delle fotografie di un ragazzo evidentemente in sovrappeso ripreso in due momenti specifici: mentre balla, scatenato, e poi nascosto a bordo pista per essersi accorto di essere stato deriso e fotografato dagli avventori del locale.
La didascalia ancora più cattiva degli scatti:

“La scorsa settimana abbiamo avvistato questo esemplare che cercava di ballare. Ha smesso quando ci ha visto ridere”

Queste fotografie sono diventate virali in pochissimo tempo, con migliaia di condivisioni che prendevano in giro il ragazzo.

Dopo qualche giorno la blogger Cassandra Fairbanks ha lanciato un appello per rintracciare il ragazzo con l’hashtag #FindDancingMan e dedicargli una festa, dando una lezione a tutti i cyberbulli.
L’iniziativa ha avuto successo nell’immediato e anche nomi importanti di Hollywood e della musica si sono uniti a Cassandra.

(foto: Web)
(foto: Web)
(foto: Web)
(foto: Web)
(foto: Web)
(foto: Web)

Susan Sarandon, Pharell Williams, Moby… giusto per citarne alcuni.
Il party “Non smettere mai di ballare” ha già coinvolto 2000 persone e 40mila dollari destinati all’organizzazione della festa in onore di questo ragazzo.
Un esempio creativo di lotta al bullismo, soprattutto nell’epoca dei social network.

Il ragazzo ballerino è poi uscito allo scoperto e ha ringraziato tutti.
Da zimbello del web a icona della gioia di vivere.
Siamo con te anche noi!

 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...