logo
Stai leggendo: Nuova Truffa, Attenzione alla “Mano Sanguinante”

Nuova Truffa, Attenzione alla "Mano Sanguinante"

Sulla pagina Facebook "Agente Lisa" gli agenti raccontano le modalità della truffa della "mano sanguinante", variante di quella dello specchietto.
Attenzione alla nuova truffa dello specchietto. La variante è quella della mano sanguinante.
Fonte: Web

La notizia è ufficiale ed arriva direttamente dalla Polizia di Stato: c’è una nuova truffa in circolazione. Sulla pagina Facebook Agente Lisa, infatti, si leggono le segnalazioni di una variante della “truffa dello specchietto” denominata “della mano sanguinante“. Massima allerta, quindi, ragazze.

La nuova truffa presenta una situazione-tipo analoga a questa: con la presunta scusa di uno scontro fra specchietti delle macchine, il conducente mostra di essersi ferito e chiede di risarcire i danni. Il truffatore, quindi, cerca di impietosire le ignare vittime convincendole a pagare del denaro per un qualcosa che in realtà non è mai stato causato.

La Polizia di Roma ha reso noto che qualche giorno fa un uomo stava percorrendo in scooter una stretta via della capitale, quando ha sentito un leggerissimo urto. Il rumore era stato talmente lieve da far supporre che l’urto non avesse potuto causare alcun tipo di danno. Il conducente, tuttavia, si è accorto che un uomo alle sue spalle gesticolava vistosamente e, scusandosi con un cenno della mano, ha comunque proseguito per la sua strada. Poche centinaia di metri dopo, però, lo scooterista è stato affiancato da una moto con alla guida un uomo corpulento e dietro una ragazza. Questa la testimonianza riportata alla Polizia:

L’uomo, alterato e con una faccia poco raccomandabile, ha mostrato la mano destra sanguinante e ha detto di essere stato ferito a causa dell’urto, lamentando che il conducente avrebbe almeno dovuto fermarsi.

Sorpreso e allo stesso tempo mortificato per l’accaduto, il malcapitato scooterista si è lasciato (inconsapevolmente) raggirare. Ha accettato di dare all’estorsore 100 euro e solo dopo alcuni minuti ha realizzato che la mano ferita, in realtà, era addirittura quella contraria. Se l’incidente fosse stato reale, infatti, l’uomo avrebbe potuto presentare eventuali lividi al braccio sinistro e non a quello destro. Consapevole, quindi, di essere stato truffato il conducente romano si è rivolto alle autorità competenti.

Si legge a riguardo sulla pagina Facebook:

State attenti e chiamate subito il 113 quando sentite questi urti e qualcuno vi chiede un risarcimento immediato, anche modesto.

Un raggiro simile, infatti, facilmente potrebbe capitare a qualsiasi persona che, andando di fretta, venga presa alla sprovvista. Sul momento non è semplice comprendere di essere vittime di una truffa. La confusione, il possibile incidente, l’anomalia della situazione in sè può far tranquillamente dubitare di se stessi. Senza contare che avere a che fare con personaggi magari non molto raccomandabili può essere un’ulteriore aggravante.

Questo tipo di truffa, tuttavia, può assumere anche ulteriori risvolti. Ad esempio, a Forlì è accaduta una dinamica simile dove il truffatore ha addirittura mostrato la “mano insanguinata” (con sangue finto, ovviamente) ad un incauto automobilista. Incolpandolo della ferita, il truffatore ha fatto finta di contattare l’assicurazione anche se al telefono c’era in realtà un complice pronto a reggergli il gioco. Quest’ultimo, spacciandosi per un funzionario della compagnia, ha ovviamente consigliato di pagare immediatamente il danno onde evitare ulteriori problemi di pratiche assicurative.

Truffe ben orchestrate, come potete vedere. Dove l’unica possibile tutela è quella di tenere gli occhi sempre ben aperti se sentite piccoli urti sospetti. E soprattutto, di chiamare il 113 qualora vi venga chiesto un possibile risarcimento immediato.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...