logo
Stai leggendo: Vietato innamorarsi a scuola, preside minaccia gli studenti

Vietato innamorarsi a scuola, preside minaccia gli studenti

"Se gli allievi dedicano il loro tempo agli studi, invece che alle tempeste emotive connesse con le storie romantiche da teenager, otterranno voti più alti e andranno a università migliori" ha spiegato il preside.
amore a scuola

Immaginate di dover rinunciare ai primi amori nati sui banchi di scuola, alle prime infatuazioni, alla prima fidanzatina o fidanzatino, ai primi baci e alle prime esperienze adolescenziali. Ebbene sì, un preside di un importante istituto privato del Galles ha minacciato di espellere i suoi allievi se sorpresi ad avere una relazione con qualche altro compagno/a. Insomma, la regola è: tenere a bada i propri istinti, non innamorarsi di nessuno e studiare, studiare, studiare.

Un provvedimento che sta facendo scalpore e di cui parla sul Corriere.it il corrispondente da Londra. Secondo il dirigente in questione, infatti, avere un fidanzatino o fidanzatina abbasserebbe il rendimento scolastico, facendo perdere la testa ai piccoli allievi e dunque distraendoli dai loro doveri. I ragazzi devono solo pensare allo studio e a nient’altro. La scuola in questione è la Ruthin nel Denbinghshire, un istituto fondato 730 anni che è stato frequentato, tra gli altri, persino dal figlio di John Lennon, Julian. Dunque, una scuola di grande prestigio.

Il preside, nello specifico, ha scritto una mail a studenti e genitori. Ecco le sue parole:

“La scuola non è il posto per avere relazioni romantiche. Questo avrà un effetto su ogni referenza universitaria che scriverò. Qualsiasi studente che ha una relazione avrà sicuramente una referenza peggiore da parte mia”.

Il dirigente ha già espulso lo scorso anno due studenti per “contatti sessuali” e ha confermato la sua disponibilità a cacciare quelli sorpresi con un fidanzatino/a: “Non ci saranno seconde possibilità”.”Se gli allievi dedicano il loro tempo agli studi, invece che alle tempeste emotive connesse con le storie romantiche da teenager, otterranno voti più alti e andranno a università migliori” ha spiegato.

A non essere d’accordo non solo gli studenti dell’istituto privato del Galles ma anche i loro genitori: “È ridicolo minacciare i ragazzi solo perché apprezzano la compagnia del sesso opposto”.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...