logo
Stai leggendo: Virginia Raggi in abito d’alta moda al teatro dell’Opera di Roma

Virginia Raggi in abito d'alta moda al teatro dell'Opera di Roma

Una Virginia Raggi super elegante e più bella che mai per la prima al Teatro dell'Opera di Roma con un abito confezionato dalla maison Gattinoni.

Una Virginia Raggi super elegante e più bella che mai per la prima al Teatro dell’Opera di Roma. La sindaco di Roma si è presentata di fronte ai fotografi con un bellissimo abito di alta moda.

A confezionare la mise per la prima cittadina della capitale la maison Gattinoni, con un abito dal nome “Le Bottigliette” disegnato dal direttore creativo di Gattinoni, Guillermo Mariotto (volto noto di Ballando con le stelle, dove riveste il ruolo di giudice) che al Corriere della Sera ha rivelato:

Mentre camminava stavo lì a osservarla col fucile spianato. Cerco sempre il punto debole, anche in un abito, ma lei era inattaccabile. Ho scoperto un collo da cigno e sono rimasto sorpreso dalla sua grazia innata. […] Era perfetta. Mise, atteggiamento, acconciatura. […] È una taglia 40 e ha punto vita da mannequin, è servito giusto un ritocco all’orlo

Ieri sera alla prima al #Teatro @opera_roma , La damnation de Faust di Berlioz #operaroma #LadamnationdeFaust

A post shared by Virginia Raggi (@virginiaraggim5s) on

Il nome Le Bottigliette dell’abito indossato dalla Raggi non è casuale: il vestito ricorda infatti l’effetto di una bottiglia che va in frantumi. Insieme al vestito la bella sindaca ha portato anche una cappa in velluto nero foderata in satin avorio, disegnata da Fernanda Gattinoni, fondatrice della maison omonima, e che disegnò appositamente per la diva del cinema Anna Magnani nel 1957 per la presentazione del film Bellissima di Luchino Visconti ad Hollywood.

Indossare abiti di un certo pregio ha emozionato anche la sindaco, che ha dichiarato

Come ogni donna nei panni della principessina. Era onorata di indossare la cappa disegnata da Fernanda Gattinoni per Anna Magnani quando volò in America per presentare Bellissima. […] Lei viene da un movimento che vuole essere il contrario di tutto, ma le ho ricordato che la divisa ha sempre identificato un ruolo. È inevitabile che l’infermiera e l’imperatrice non possano vestire allo stesso modo: da sindaca di Roma devi essere in tono con il resto

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...