logo
Stai leggendo: Vittima dei bulli ha la sua rivincita: scortata al ballo da 120 motociclisti

Vittima dei bulli ha la sua rivincita: scortata al ballo da 120 motociclisti

La giovane è arrivata al gran ballo di fine anno scortata da 120 motociclisti: un'iniziativa bellissima, una bella risposta a chi in questi anni si è divertito insultandola e rendendole la vita difficile.
vittima dei bulli

Non ha avuto un’adolescenza facile Chloe Robson, una 16enne che è stata vittima dei bulli a causa della sua linea “curvy”. Ha dovuto sopportare sfottò, insulti e vessazioni di ogni tipo al punto che la sua vita è diventata (quasi) un incubo. Soprattutto quando ha saputo di dover partecipare al gran ballo di fine anno, quello che chiude il percorso degli studi secondario, che è un giorno indimenticabile per ogni ragazza anglosassone. È una sorta di passaggio dall’adolescenza alla giovinezza. Chloe pensava che quello sarebbe stato il giorno in cui i suoi compagni l’avrebbero presa in giro, rendendole quella festa un vero e proprio incubo. E, invece, non è andata così.

La giovane, infatti, è arrivata al gran ballo di fine anno scortata da 120 motociclisti: un’iniziativa bellissima, una bella risposta a chi in questi anni si era divertito insultandola e rendendole la vita difficile al punto che lei si era chiusa in se stessa diventando sempre più schiva e insicura. Un odio ingiustificato nei suoi confronti che rendeva anche le cose più piccole difficili da superare e sopportare. In tanti, dunque, si sono presentati in sella alle loro moto al Lumley Castle di Chester, nella contea inglese di Durham, così da consentire a Chloe un ingresso da star.

L’idea geniale è venuta allo zio Grant, di 42 anni e gestore del gruppo “Bikers Against Bullies”, ovvero un collettivo di ridere che vuole aiutare le vittime del bullismo. Queste le parole di Chloe che stenta a credere ancora a quello che è successo:

È stato scioccante sentire tutti quei motori insieme e vedere la folla di motociclisti comparire all’improvviso attorno all’auto, non me l’aspettavo. Ero terrorizzata all’idea di ciò che sarebbe potuto succedere al ballo ma la loro compagnia mi ha dato coraggio e fiducia, non mi sono sentita più sola.

Oltre ai 120 motociclisti, ad aspettarla c’erano insegnanti e compagni che l’hanno accolta con un grande applauso, come si evince da un video pubblicato dal Daily Mail.