Viaggio in Italia, il progetto targato MiBACT - Roba da Donne

Il turismo rappresenta un capitolo importante, fondamentale dell’economia italiana. È soprattutto un turismo culturale a 360 gradi, che va dall’enogastronomia alle città d’arte, dalle mostre agli eventi musicali o letterari.

Ma i tempi cambiano, cambia il modo di comunicare (e spesso anche i mezzi di comunicazione) e quindi l’Italia e il suo turismo, al tempo degli influencer, vanno raccontati in modo adeguato. I social network rappresentano un grande e potente mezzo per veicolare concetti, ma senza idee nuove e interessanti i social non bastano, per cui il MiBact (il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali) è alla ricerca di creativi per il progetto Viaggio in Italia – Nuovi modi di raccontare il turismo.

Il titolo prende il nome appunto da Viaggio in Italia, volume cronachistico di Johann Wolfgang von Goethe che documentò così il suo Gran Tour nella penisola italica tra il 1813 e il 1817. È passato molto tempo da questa straordinaria testimonianza da parte di uno dei padri della letteratura tedesca e i mezzi di comunicazione nel frattempo sono molto cambiati: per questo i creativi cercati dal Mibact potranno esprimersi attraverso audio, video e gaming. Per farlo avranno delle iniziative finanziate fino a 180mila euro in totale (cioè 30mila euro a iniziativa, dato che saranno selezionati 6 creativi).

Il villaggio dei Puffi esiste e si trova in Italia
10

Se selezionato – si legge su Zooppa – ti sarà affidata la realizzazione del prodotto finito, che potrà essere un unico contenuto, una serie/libreria di contenuti, o un insieme di contenuti realizzati in uno o più formati (audio, video e gaming), anche in combinazione tra di loro. Per elaborare e finalizzare il prodotto, lavorerai a stretto contatto con Zooppa e con il cliente. La produzione si svolgerà fra ottobre e novembre.

Il punto di partenza del progetto è la bellezza: quella dei 5mila piccoli comuni italiani in cui si possono trovare molti segreti da scoprire, dalle vecchie chiesette di campagna a paradisi naturali e protetti, fino a una vecchia ricetta tradizionale della nonna, un ballo, un canto di lavoro. In altre parole, Viaggio in Italia vuole scandagliare il patrimonio storico, culturale, naturalistico e architettonico che i turisti potranno trovare nello Stivale. E naturalmente lo vuole valorizzare, non senza strizzare l’occhio all’ecosistenibilità.

Un punto del progetto Viaggio in Italia è infatti anche la valorizzazione della mobilità dolce e sostenibile, a basso impatto sull’ambiente, come lunghe camminate a piedi, il trekking, le gite in bici, ma anche i treni, soprattutto quelli locali, quelli che vanno lenti e ci permettono di ammirare il paesaggio circostante (anche per via delle norme di sicurezza per le ferrovie munite di un solo binario). I luoghi da scegliere saranno quelli che noi considereremmo adatti per le gite fuori porta, o il cosiddetto «turismo di prossimità», che l’epidemia di coronavirus ha reso una necessità (sebbene abbastanza piacevole).

Lista viaggio, quali sono le cose indispensabili da mettere in valigia

Turismo, nuovo sguardo cercasi – si legge sul profilo ufficiale del ministero – MiBACT e Invitalia lanciano un bando per idee innovative sul turismo sostenibile, 30mila euro per realizzare la tua idea di Viaggio in Italia. Un contest, sei creativi, 180mila euro per progetti inediti da realizzare entro novembre 2020.

Quindi, se conoscete bene il vostro territorio di appartenenza, dal punto di vista culturale a tuttotondo, i suoi beni e le sue bellezze, e se possedete una creatività capace di elaborare delle idee vincenti, potete buttarvi in quest’avventura. Il progetto è allettante per vari motivi, ma anche e soprattutto per le ricadute economiche che si potrebbero avere in un determinato territorio. Se interessati trovate il bando su Zooppa.

La discussione continua nel gruppo privato!