Un nuovo documentario, Leave No Trace, “Non lasciare tracce”, distribuito da Hulu, racconta le esperienze di abusi sessuali nei Boy Scouts d’America, insabbiati per decenni.

Il docu-film documenta come, dopo che più di 82.000 uomini si sono fatti avanti per denunciare gli abusi, la BSA (Boy Scouts of America) abbia dichiarato bancarotta, anche per via del pagamento di una cifra record in risarcimento alle vittime, che rappresenterebbe l’accordo sugli abusi sessuali più alto della storia.

La BSA è stata fondata nel 1910, e il Congresso ha descritto i valori dello scoutismo quali “patriottismo, coraggio, fiducia in se stessi e virtù affini“. Secondo la BSA, sono circa 130 milioni gli americani che hanno partecipato ai programmi scout, dall’astronauta Neil Armstrong al presidente John F. Kennedy fino al regista Steven Spielberg.

La regista del film, Irene Taylor, ha spiegato al Guardian che dopo essere arrivati dall’Inghilterra i Boy Scouts sono “diventati un monopolio americano“, affermandosi come un pilastro fondamentale della cultura USA. “Quando l’organizzazione, con l’aiuto di donazioni e agevolazioni fiscali, è diventata più grande e più ricca e ha acquisito vasti terreni, ha anche attirato predatori sessuali“, ha aggiunto Taylor. “Finché sono esistiti i boy scout, ci sono stati pedofili che hanno cercato di penetrare nelle esperienze isolate che i ragazzi facevano nella natura“.

Il film include le interviste a sei vittime, di età compresa tra i 13 e i 72 anni, che per la prima volta parlano pubblicamente dell’esperienza e delle sue conseguenze.

Uno di loro, John Humphrey, 60 anni, ha raccontato che tra gli 11 e i 13 anni è stato abusato sessualmente da un capo scout per oltre 200 volte. A 13 anni gli sono caduti i capelli e da allora è rimasto calvo. L’uomo ha nascosto il trauma per decenni, fino all’età di 55 anni. “La prima volta è stata durante un campeggio, sono stato invitato nella tenda dei grandi e sono stato accarezzato“, ha dichiarato al Guardian. “Era il mio vicepreside. Era il mio allenatore di calcio.”

Humphrey ha raccontato che il senso di colpa e la vergogna sono durati per decenni: quando ha scoperto la diffusione degli abusi sessuali nei Boy Scouts, ha istituito l’Official Tort Claimants’ Committee (TCC), che consente ai sopravvissuti di tutti gli Stati di parlare apertamente delle loro esperienze. “Credo che possiamo aiutare i sopravvissuti aiutandoli a capire che non devono essere vittime“, ha detto Humphrey, come riporta il Guardian. “Non devono nascondersi e sentirsi in colpa, indipendentemente da quanto sia stato orribile. Ci sono strumenti, persone e relazioni che possono aiutare le persone a sopravvivere“.

I campi di rieducazione dove i "ragazzi difficili" vengono anche lasciati morire

Un giudice del Delaware sta ora valutando se confermare il piano di riorganizzazione della BSA, che prevede che l’organizzazione contribuisca con 2,6 miliardi di dollari in contanti e proprietà a un fondo per le vittime di abusi. Il risarcimento verrebbe poi distribuito in quantità diverse in base alla gravità dei singoli casi.

Tutti i debitori sono d’accordo e i Boy Scout sono d’accordo sulla struttura del piano. Sono molto fiducioso“, ha detto Humphrey.

Leave No Trace è distribuito in streaming da Hulu e sarà proiettato nei cinema di New York e Los Angeles oggi, 16 giugno. Qui il trailer ufficiale.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!