La parlamentare democratica Alexandria Ocasio-Cortez, 32 anni, eletta al Congresso USA come rappresentante del Quattordicesimo Distretto di New York, è stata arrestata insieme ad altre 34 persone, tra cui 16 deputate e 1 deputato del partito democratico.

La sua colpa? L’aver preso parte a una delle tante manifestazioni in difesa del diritto costituzionale all’aborto, negato dalla Corte suprema il 24 giugno scorso con la revoca della legge che lo garantiva a livello federale, la Roe v Wade, dal 1973. Insieme a lei sono state arrestate altre 16 deputate democratiche e 1 deputato, l’unico membro del Congresso uomo arrestato insieme alle deputate e ad altre attiviste.

Ocasio-Cortez è stata ammanettata insieme ad altre 34 persone a Washington, non lontano dalla Corte suprema e da Capitol Hill, come si vede in un video tweetato dalla stessa Ocasio-Cortez sul suo profilo Twitter.

I poliziotti hanno seguito il corteo per strada finché le attiviste non hanno raggiunto un incrocio sul versante che porta alla stazione, e dopo il rifiuto delle donne a spostarsi, la polizia ha iniziato gli arresti. Tutte le arrestate sono state multate e rilasciate dopo poche ore.

Sulle sue stories di Instagram, la parlamentare ha mostrato video della protesta e le carte del suo arresto, che documentano la multa di 50$ che le manifestanti hanno dovuto pagare: “Ne è valsa la pena“, ha scritto la democratica.

Alexandria Ocasio-Cortez
Fonte: Instagram @aoc

Le manifestazioni sono, al momento, l’unica arma che hanno i democratici per continuare a porre l’attenzione sulla questione dell’aborto, in quanto non ci sono i numeri sufficienti per battere l’ostruzionismo repubblicano al Senato.

Ocasio-Cortez ha quindi deciso di dare la maggior visibilità possibile a questa manifestazione insieme alle democratiche Ilhan Omar, Ayanna Pressley, Rashida Tlaib e la californiana Jackie Speier, deputata di lunga data.

Lo stesso presidente Joe Biden ha invitato i manifestanti a continuare le proteste, in un discorso tenuto il 9 luglio davanti ai manifestanti che avevano organizzato un sit-in di fronte alla Casa Bianca. “Continuate a manifestare, continuate a tenere il punto“, ha detto Biden alla folla.

Biden firma un ordine esecutivo per il diritto all'aborto negli USA

L’8 luglio Biden ha firmato un ordine esecutivo per agevolare l’accesso all’aborto farmacologico.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!