La 28enne Amara Aleman, @amara_artspots su TikTok (con più di 160mila followers), posta regolarmente dei video Get Ready With Me incentrati sul make up, ma i suoi TikTok mostrano un tipo di trucco non convenzionale: Aleman usa i disegni e i colori per mettere in risalto sia il suo viso che la vitiligine, una condizione causata dalla mancanza di melanina nella pelle.

Come riporta il National Health Services, la vitiligine si traduce in macchie bianche su mani, viso e collo: questa condizione della pelle si verifica quando mancano i melanociti funzionanti, le cellule della pelle che emanano il pigmento, e può essere causata da malattie autoimmuni o da sostanze chimiche rilasciate dai nervi della pelle.

Amara Aleman ha trasformato la sua condizione in una forma d’arte: “Spero di continuare a condividere questa forma d’arte in spazi che aiutino a cambiare la narrazione di ciò che è bello“, ha dichiarato a BuzzFeed.

@amara_artspots Replying to @ta99 i love how the trans flag colors look with both skin tones 🥹 #transpride #vitiligo #artspots #lgbtqiaplus ♬ Show Me How - Men I Trust

In particolare, Aleman crea i suoi Artspots in base al suo abbigliamento, per rendere la sua vitiligine una caratteristica estetica accattivante che si abbina al suo look.

Moltissimi fan non solo apprezzano la creatività di Aleman e il suo talento artistico, ma trovano anche ispirazione nel suo modo di amplificare la sua condizione, accettandola e celebrandola: “Mio fratello ha la vitiligine e gli ho mostrato i tuoi video, e ora è molto più felice!“, ha scritto un utente nei commenti su TikTok.

In un’intervista rilasciata a BuzzFeed, però, Amara Aleman ha confessato che non è stato sempre così facile per lei accettarsi e volersi bene: dopo la comparsa di alcune macchie bianche sui palmi delle mani nel 2017, che si sono velocemente diffuse sugli avambracci, Aleman ha ricevuto la diagnosi e ricorda di essersi sentita “devastata“.

Lavoravo come ballerina e mi esibivo in teatro… e ho smesso completamente di ballare“, ha raccontato Aleman a BuzzFeed. “Non conoscevo nessun altro con la vitiligine nella mia vita e non pensavo che i miei amici o la mia famiglia avrebbero capito“.

Aleman ha dichiarato che dopo la diagnosi ha passato l’anno successivo a nascondersi: non usciva quasi mai di casa e, se lo faceva, si copriva dalla testa ai piedi e si truccava per nascondere le macchie. “C’era così tanta incertezza a cui non ero pronta. Non sapevo se la malattia avrebbe continuato a diffondersi… e non era qualcosa che ero pronta ad affrontare, così sono entrata in una spirale di depressione e ansia piuttosto profonda“, ha detto la 28enne.

La ragazza ha citato i suoi genitori, che per primi l’hanno aiutata a riprendersi la fiducia in se stessa, e il suo ragazzo, che da sempre le è stato vicino come amico.

Abbandonata perché albina, Xueli Abbing: “Per loro era una maledizione: è la mia forza”

Dal momento in cui Aleman ha imparato a vedersi bella per come è, la sua arte è sbocciata in modo del tutto naturale: “L’ispirazione principale che ha dato vita ad ArtSpots è l’idea di prendere i limoni e farne una limonata“, ha detto semplicemente la ragazza, come riporta BuzzFeed. “Condivido questi look perché è una terapia per me, è uno sfogo… ma li condivido anche per tutti coloro che vi si imbattono e che magari non amano la propria pelle. Spero che ArtSpots incoraggi chiunque stia guardando a sfidare se stesso e le proprie idee di bellezza“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!