"Abusò sessualmente di una 16enne": Bill Cosby dichiarato colpevole

La giuria della California, chiamata a decidere nel nuovo processo civile ha emesso il verdetto di colpevolezza dell’ex star della seria I Robinson, che ora dovrà risarcire la vittima con 500mila dollari. La donna, ora 64enne, raccontò di essere stata invitata dall'attore nella Playboy Mansion di Hugh Hefner, dove poi subì la violenza.

Bill Cosby è stato giudicato colpevole di aggressione sessuale su una donna che nel 1975, anno in cui è stato commesso il reato, era minorenne. La giuria della California, chiamata a decidere nel nuovo processo civile ha emesso il verdetto di colpevolezza dell’ex star della seria I Robinson, che ora dovrà risarcire la vittima con 500mila dollari.

Bill Cosby e gli altri: Secrets of Playboy racconta storie orribili su presunti "predatori"

Quando fu aggredita dall’attore, Judy Huth aveva 16 anni e le molestie avvennero nella Playboy Mansion di Hugh Hefner. La donna, ora 64enne, raccontò di essere stata invitata da Cosby nella villa, dove poi subì la violenza. L’uomo non era presente alla lettura del verdetto, ma in questi anni di processo ha sempre negato tutte le accuse nei suoi confronti.

Huth, invece, come riporta il Washington Post, ha commentato così la decisione della giuria: “Ero euforica. Seriamente, sono passati così tanti anni, così tante lacrime”. Bill Cosby in passato era stato già condannato da un tribunale penale per molestie sessuali e poi liberato per un vizio di forma.

Oltre alle accuse di Judy Huth, arrivate nel 2014, altre donne hanno raccontato di essere state molestate da Cosby. Molte di loro non sono mai neanche state ascoltate perché non avevano denunciato gli abusi al momento dei fatti, mentre Huth, essendo minorenne nel 1975, ha potuto far causa davanti a un tribunale civile.

Cosby, fu la prima celebrità condannata per molestie sessuali nell’era del #MeToo. L’attore, nel 2018, fu ritenuto colpevole di aver drogato e molestato Andrea Constand, l’allenatrice di una squadra della Temple University, l’ateneo di Filadelfia di cui la star era un benefattore: rimase in carcere quasi tre anni fino a quando la Corte Suprema della Pennsylvania ne ordinò il rilascio per vizio di forma nel processo.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!