Il bonus di 150 euro una tantum è previsto dal decreto Aiuti ter e sarà messo a disposizione per alcune categorie che, comunque, dovranno rispettare il limite Isee, fissato a 20 mila euro l’anno.

Il provvedimento, approvato dal Consiglio dei ministri, ma non ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale, come riporta la stampa, spetta solamente, nel caso dei disoccupati, a coloro che nel mese di novembre risultano aver beneficiato di una delle prestazioni previste dagli articoli Naspi e Dis-Coll.

Bonus 200 euro professionisti e Partite Iva, arriva l'ok: come fare richiesta

Inoltre, ne hanno diritto coloro che nel corso del 2022 (il mese specifico non ha importanza) hanno percepito o percepiscono l’indennità di disoccupazione agricola del 2021.

Ai disoccupati che nel mese di novembre risultano titolari di Naspi o Dis-Coll l’accredito di 150 euro verrà erogato in automatico nei prossimi mesi: questi, dunque, non devono presentare domanda per avere diritto al bonus.

Anche chi percepisce il reddito di cittadinanza può ottenere il bonus: se in un nucleo familiare ci sono disoccupati e nessun componente della famiglia ha beneficiato del bonus individualmente, l’Inps provvederà a caricare 150 euro sulla ricarica di novembre. Non serve presentare la domanda.

I lavoratori stagionali che nel 2021 hanno svolto la prestazione lavorativa per almeno 50 giornate possono richiedere il bonus facendo domanda all’Inps: requisito fondamentale, però, è aver percepito un reddito, sempre nel 2021, non superiore a 20 mila euro.

Infine, il bonus 150 euro spetta anche a coloro che sono disoccupati e allo stesso tempo (al 1° ottobre 2022) percepiscono l’assegno sociale o un assegno di pensione per invalidi civili, ciechi e sordomuti. Il bonus verrà accreditato solo se il reddito percepito nel 2021 è inferiore a 20 mila euro. Anche in questo caso il pagamento avviene in automatico.

Il bonus sarà erogato nel mese di novembre, come ha dichiarato alla stampa il ministro dell’Economia, Daniele Franco, che durante la conferenza stampa di presentazione del decreto ha parlato di novembre o, al più tardi, di dicembre per tutte le categorie interessate.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!