È morto a 25 anni Cormac Roth. L'ultimo post del musicista figlio di Tim Roth

Il giovane era laureato al Bennington College; sua la colonna sonora in New Order, film premiato nel 2020 alla Mostra del Cinema di Venezia. Le sue parole su Instagram, mentre combatteva contro il cancro.

Cormac Roth, figlio dell’attore britannico Tim Roth (noto anche per aver lavorato con Quentin Tarantino a Le Iene, Pulp Fiction e The Hateful Eight), è morto il 16 ottobre 2022, a causa di un cancro molto rato. Il musicista aveva solo 25 anni e aveva iniziato le cure a novembre del 2021, quando gli era stata diagnosticata la malattia. A darne notizia è stata la famiglia, che ha comunicato la scomparsa del giovane 15 giorni dopo.

"Penso a te ogni giorno": le parole di John Travolta per il figlio morto a 16 anni

Cormac Roth si era laureato al Bennington College, era un chitarrista, compositore e produttore musicale. Aveva realizzato la colonna sonora di New Order, film premiato nel 2020 alla Mostra del Cinema di Venezia.

Ad agosto era tornato sui social per condividere un messaggio con tutti i suoi follower. Nel suo ultimo post, Cormac Roth, parlando delle (e alle) persone che seguiva su Instagram, affermava:

Tutti voi avete così tanto talento e mi stupisco ogni giorno di quello che vedo quando scrollo il feed. Mi stupisco davvero. Quello che fate è semplicemente incredibile. Affondateci dentro i denti. E ricordate che la vita è breve e non sempre si può scegliere il proprio destino o il proprio futuro. Quindi siate una forza innegabile che vive e respira per quella cosa che dite di amare e di essere. E fatela davvero. Se vi rende felici, fatela davvero. Questo è tutto ciò che ho. Vi voglio bene.

Parole che testimoniano quanto veramente Cormac Roth fosse “un concentrato di energia selvaggia ed elettrica, uno spirito pieno di luce e di bontà“, come lo hanno ricordato i familiari.

Questo è stato il consiglio, l’ultimo, che il musicista ha voluto dare, mentre portava avanti quotidianamente la sua dura battaglia contro il cancro alle cellule germinali, avanzato al terzo stadio, che gli aveva tolto “metà dell’udito, 27 chili di peso, la fiducia“, come raccontava in un altro post social.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!