logo
Stai leggendo: Corona esce dal carcere: “Contento ma troppi 16 mesi per avere giustizia”

Corona esce dal carcere: "Contento ma troppi 16 mesi per avere giustizia"

Il giudice della Sorveglianza, infatti, accogliendo un'istanza del legale dell'ex re dei paparazzi, ha concesso a Corona l'affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità anche alla luce del suo stato di ex tossicodipendente.
corona

È ufficiale. Fabrizio Corona esce dal carcere e torna in una comunità terapeutica: a deciderlo è stato il Tribunale di sorveglianza di Milano che ha concesso all’ex fotografico dei vip l’affidamento terapeutico in una comunità a Limbiate, nel Milanese. Il giudice della sorveglianza, infatti, accogliendo un’istanza del legale dell’ex re dei paparazzi, ha concesso a Corona l’affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità anche alla luce del suo stato di ex tossicodipendente. La stessa richiesta, che in quel caso riguardava una comunità nel Bresciano, era stata respinta lo scorso 13 settembre da un altro giudice della Sorveglianza.

Il provvedimento, che ha permesso a Corona di uscire già oggi dal carcere di San Vittore di Milano, dovrà essere confermato da un’udienza che si terrà a fine marzo davanti a un collegio della Sorveglianza. Il giudice Crosti, invece, aveva deciso mesi fa che Fabrizio Corona doveva rimanere in carcere dal momento che ci sarebbero stati “concreti elementi” che avrebbero testimoniato la sua “attuale pericolosità sociale”.

Nello specifico, l’ex re dei paparazzi – che è finito in carcere a seguito della scoperta di un tesoretto milionario tra la casa della sua storica collaboratrice di Milano e due cassette di sicurezza in Austria – potrà dormire nella sua abitazione di via De Cristoforis, zona della movida milanese dalla quale, però, potrà uscire soltanto per recarsi nella comunità per seguire il percorso terapeutico e psicologico previsto dal Tribunale di sorveglianza di Milano. La casa dell’ex re dei paparazzi, tra l’altro, è stata sequestrata nei mesi scorsi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano ma, da quanto si è appreso, come scrive l’agenzia di stampa Ansa.it, ora l’amministrazione giudiziaria avrebbe deciso di affittarla alla fidanzata dell’ex agente fotografico, Silvia Provvedi del duo musicale Le Donatella.

Queste, infine, le parole di Corona per bocca del suo avvocato che si è fatto portavoce:

Sono contento, ringrazio il magistrato ma sono incazzato per la fatica visto che ci sono voluti 16 mesi per ottenere ciò.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...