Costantino Vitagliano: "Soffrivo di attacchi di panico, sono fuggito in Spagna"

Costantino Vitagliano, meglio conosciuto per la sua partecipazione come tronista a "Uomini e Donne", è tornato in Italia: adesso ha realizzato un calendario in collaborazione con una marca di crema per la cosmesi intima femminile di cui è testimonial.

Il re dei tronisti Costantino Vitagliano rompe il silenzio e spiega cosa è successo in questi ultimi anni. Al settimanale “Spy” spiega di aver “sofferto di attacchi di panico”: “Non sopportavo la mia immagine allo specchio e non riuscivo a uscire di casa” ha spiegato. Ora, che è tornato protagonista di un calendario, posa senza veli e “dedica questo calendario alle donne”. Queste le sue parole:

Fisicamente mi sentivo bene, mentalmente ero a pezzi. Non ho retto i ritmi frenetici della vita che facevo. Tra ospitate varie, ero in tv tutti i giorni e quando non ero davanti alle telecamere, di notte, avevo in agenda anche tre eventi di seguito a cui partecipare. Dormivo due ore al giorno, in macchina durante gli spostamenti. Credevo di essere invincibile, non lo nego: tra i 27 e i 35 anni pensavo che niente mi avrebbe potuto scalfire. Ma non ero invincibile. Mi ha devastato lo stress di essere sotto la lente di ingrandimento 24 ore su 24: invitato, osannato, criticato, insultato… E io che cercavo di essere sempre al top, di creare quel qualcosa che facesse parlare di me. Di essere figo, bello, irresistibile.

Alla fine fuggire via è stata la soluzione a tutti i mali:

Le ho provate tutte. Alla fine l’unica salvezza è stata la fuga, in Spagna, dove sono rimasto per alcuni anni. E ora sono tornato.

Costantino Vitagliano e Alessandra Pirelli, 10 anni dopo

Costantino Vitagliano, meglio conosciuto per la sua partecipazione a “Uomini e Donne”, è tornato in Italia e adesso ha realizzato un calendario in collaborazione con una marca di crema per la cosmesi intima femminile di cui è testimonial:

Lo faccio per un cosmetico studiato per quella parte che è la più importante: la vita nasce da lì! ‘Cos’è che fa girare il mondo?’, dicono gli speaker in discoteca. La risposta è quella che urlano tutti in coro. E sono felice che abbiano scelto me come testimonial. D’altronde, io sono stato la migliore ‘calamita’ di donne negli Anni Duemila.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!