Damiano Carrara, dalle Kardashian a Britney: com'è essere il pasticciere dei vip

Il volto di punta di Real Time racconta in un'intervista al Fatto Quotidiano i gusti delle star che frequentano il suo store. La cantante di "Baby one more time", ad esempio "prende un cappuccino, mi frega una rosa dal vaso e se ne va".

Damiano Carrara è pronto a conquistare anche l’Italia. Dopo il successo negli Stati Uniti delle sue pasticcerie – tra i suoi clienti anche le sorelle Kardashian e Britney Spears – il giudice di Bake Off ha inaugurato a Lucca il suo primo store italiano, dal nome Atelier Damiano Carrara. Il dolce di punta si chiama New Beginning e non è di certo un caso; del resto, come ha dichiarato in un’intervista al Fatto Quotidiano, Carrara è “per le ripartenze” e per farlo ha puntato tutto sulla sua città d’origine.

Cracco apre il nuovo ristorante in Galleria a Milano

Lucca è casa mia, è il punto di partenza di tutto. Potevo aprire ovunque ma non ci sarebbe stato un posto migliore di questo“, ha dichiarato l’imprenditore, che a diciott’anni ha lasciato casa sua per partire alla volta degli Stati Uniti, dove ha realizzato con suo fratello il sogno di diventare pasticciere. Al momento, sono tre i locali negli States.

“Il terzo l’abbiamo aperto in pieno lockdown ed è stato un azzardo. In America oggi siamo a più di 80 dipendenti, in Italia altri 13. Tecnica e creatività sono fondamentali per essere dei bravi pasticcieri ma servono anche doti imprenditoriali se vuoi davvero realizzare il tuo sogno: o le hai o non vai lontano”.

E Damiano, lontano, ci è arrivato davvero, tanto che i suoi atelier sono molto famosi in America e frequentati da moltissimi clienti vip, tra cui anche le sorelle Kardashian.

“Loro stanno a Las Calabasas, ogni tanto vengono e ordinano succhi e centrifugati perché sono sempre a dieta. Britney Spears invece è tra i clienti fissi: prende un cappuccino o un latte macchiato, mi frega una rosa dal vaso e se ne va. È ormai un rito. In zona vivono tantissime star, da Sophia Loren a Will Smith. Sa quante volte i miei dipendenti mi rimproverano? ‘È entrata tizia, possibile che tu non l’abbia riconosciuta?'”.

L’ultimo negozio, il terzo Carrara’s americano, l’imprenditore l’ha aperto con suo fratello a Pasadenas ”

Siamo riusciti a fare l’opening ufficiale solo tre settimane fa. Le cose vanno bene nel complesso ma non è ancora forte come gli altri, forse perché abbiamo aperto nel periodo sbagliato. Ma sono certo che arriveremo a fare i numeri che vogliamo. Siamo a un passo da Hollywood, in una zona dove molta gente si sposta perché è più tranquilla e non c’è troppo casino“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!