logo
Galleria: Franca Leosini: le 6 Storie più Maledette in cerca di umanità

Faccia a faccia con Fabio Savi, killer della Uno Bianca

Franca Leosini: le 6 Storie più Maledette in cerca di umanità
Foto 3 di 7
x

web

Nelle lettere che mi aveva spedito, Savi mi descriveva le sue notti insonni, il tormento divorante per quel che aveva fatto. Ci furono momenti duri, a iniziare da quello in cui gli mostrai la foto di suo padre Giuliano, suicida con massicce dosi di Tavor proprio all’interno di un modello di macchina identico a quello della banda. Alla fine di quella conversazione mi resi conto che mi aveva rivelato molte più cose di quante non ne avesse messe a verbale durante il processo. Abbassò la testa: ‘Su di me sono state scritte molte inesattezze’.

Nel caso di Savi, che con i fratelli Roberto e Alberto, ha terrorizzato l’Emilia Romagna fra il 1987 e il 1994 con la banda della Uno Bianca, Franca ha spiegato di aver usato un linguaggio più duro di quello che usa normalmente.

Il patto – ha spiegato – è darsi. Loro si concedono e io scavo dentro alla ricerca del buio. Per chi ha creato tanta sofferenza agli altri, non è mai un viaggio senza dolore.