App Immuni, come si scarica e come funziona - Roba da Donne

Immuni, come funziona e come configurarla. Guida all’uso

Immuni, come funziona e come configurarla. Guida all’uso

Fonte: Pixabay

Foto 1 di 9
Ingrandisci

È partita la corsa all’app Immuni. È infatti partita la sperimentazione in quattro regioni (Liguria, Abruzzo, Marche e Puglia), ma questo non significa che, se vivete in una regione diversa, non possiate prendere confidenza con questo strumento.

Ricordiamo che si tratta di qualcosa di fondamentale per questa fase di convivenza con il coronavirus: l’applicazione ci permette di sapere se siamo entrati in contatto con soggetti Covid-19 positivi.

Ma come si usa l’app Immuni? Niente paura, non è difficile. Al momento si può scaricare su tutti gli smartphone, tranne quelli di marca Huawey (ma presto sarà disponibile anche lì). Per gli utenti Android è necessario che il sistema operativo sia aggiornato alla versione 6, come spiega Repubblica: si accede a Google Play e si scarica l’app con un click. Per chi ha un iPhone il discorso è analogo: è necessario che il sistema operativo sia aggiornato almeno alla versione 13.5 di iOS, ci si collega all’App Store e si scarica l’applicazione con la propria impronta sul tasto home dello smartphone. In alternativa, la si può scaricare direttamente dal sito ufficiale.

Spostamenti tra Regioni ma con regole precise: ecco quali

Dopo che avete scaricato l’app Immuni, la aprite per impostare le vostre preferenze. Vi verranno chieste innanzi tutto la regione e la provincia di domicilio. Ma queste impostazioni possono essere cambiate in itinere. Facciamo un esempio: mettiamo il caso che io viva a Napoli e al momento mi trovi lì. Imposterò la regione Campania e la provincia Napoli. Se nei prossimi giorni mi dovrò spostare a Bari, andrò a modificare la regione in Puglia e la provincia in Bari (cosa che tra l’altro è stata richiesta caldamente dal presidente pugliese Michele Emiliano in caso di spostamenti verso la Puglia).

Per far sì che l’app Immuni funzioni correttamente, devo avere il bluetooth attivato (perché è così che l’applicazione agisce sullo scambio dei dati tra smartphone vicini) e inoltre dovrò consentire all’app di inviarmi le notifiche. Va da sé che le notifiche sono importanti, perché ci permettono di sapere in tempo reale se siamo venuti a contatto con una persona risultata Covid-19 positiva.

Sfogliamo insieme la gallery per esaminare nel dettaglio come funziona l’app Immuni.

Articolo originale pubblicato il 3 Giugno 2020

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...
  • Desperate Geeks