logo
Galleria: “P***ana” e gli insulti inaccettabili a Malika Ayane che non sono libertà d’espressione

“P***ana” e gli insulti inaccettabili a Malika Ayane che non sono libertà d’espressione

Malika Ayane insultata duramente per le sue scelte a X Factor risponde e ricorda che le offese non sono libertà d'espressione.

Che il mondo dei social sia un focolaio di polemiche facili e il luogo dove i cosiddetti leoni da tastiera trovano terreno fertile per insultare indisturbati sotto la protezione dell’anonimato o convinti di non commettere reati di alcun tipo data la “virtualità” della situazione è ormai una realtà tristemente assodata.

Ma certo dispiace ogni volta dover raccontare dell’ennesimo episodio in cui ignoranza, frustrazione cattiveria e maleducazione compongono quel mix letale che gli haters amano tanto scambiare con la libertà d’espressione.

Parliamo di X Factor, e della situazione denunciata da Malika Ayane in seguito all’eliminazione ai bootcamp di Michele Sette, giovane romano originario della Costa d’Avorio dato come una delle voci più interessanti mai ascoltate sul palco del talent di Sky da anni e che alle audizioni aveva fatto impazzire giudici e pubblico.

La cantante ha scritto un post su Instagram mostrando gli screenshot di alcuni dei commenti che le sono piovuti addosso dopo la scelta, evidentemente non apprezzata dal pubblico del programma.

Mi sono svegliata molto amareggiata leggendo parte dei commenti alla puntata di ieri – scrive Malika – Tranne alcuni molto creativi nell’inadeguatezza, il livello di linguaggio e di pensiero é veramente basso. Basso e violento. Inaccettabile. Non si tratta di orgoglio ferito perché contestata ma di delusione per come ancora in molti confondano la critica con l’offesa e per come il livore divori certe persone e ne accechi l’intelligenza.

Le sole parole che si possono utilizzare con leggerezza, sono quelle d’amore. Per le altre vi consiglio di ragionare con calma e sceglierle con cura. Sono una donna adulta e strutturata quindi vi concedo di sentirvi dei paladini della giustizia per avermi chiamata ‘cogliona’ o ‘puttana razzista’. se al mio posto ci fosse stata una persona fragile o delicata avreste potuto fare dei danni. Siate più responsabili, siate l’esempio positivo .

Il discorso di Malika è assolutamente condivisibile nei suoi contenuti: perché troppo spesso si confonde il diritto alla libertà d’espressione, che ovviamente comprende anche la critica laddove esista una diversità di opinione, con la violenza verbale esplicita, quella che fa vomitare insulti a random e se infischia dell’argomentazione. E non c’è nulla da eccepire nelle sue parole, perché è obiettivamente difficile poter condividere il pensiero di chi si lascia accecare dalla rabbia prendendosi il diritto di scrivere cose come “Fai schifo”, “Non capisci un c***o” o peggio.

Peraltro, Malika già si era espressa sui leoni da tastiera nel recente passato.

Manifestare il proprio disappunto rispetto alla scelta ci sta tutto, ed è sacrosanto che sia così, lo sa per prima Malika che, nel momento stesso in cui ha accettato di sedersi su una poltrona per fare il giudice in un talent con milioni di spettatori ha preso il “pacchetto completo”, consapevole di potersi scontrare anche con il gusto e le preferenze del pubblico (anche Samuel non più tardi di una settimana fa si è trovato al centro della disapprovazione popolare per le scelte al bootcamp).

Non ci sta, e non ci dovrebbe mai stare, imporre le proprie ragioni con insulti ed epiteti terrificanti che scatenano gli istinti più bassi di chi, con la scusante di stare dietro lo schermo di un pc o di uno smartphone, proprio non riesce a contenere la propria violenza. Perché di quella stiamo parlando. Insultare è a tutti gli effetti un atto violento.

Lo sa chi si impegna per rendere i social un microcosmo ripulito dagli haters, lo sanno gli autori di X Factor che hanno cercato di arginare la fiumana di oscenità con questo post.

Visualizza questo post su Instagram

Music is love. #XF13

Un post condiviso da X Factor Italia (@xfactoritalia) in data:

I social sono stati pensati per essere luogo di aggregazione e dibattito, ma qualcuno, ahinoi, ne fraintende sempre lo spirito.

Sfogliate la gallery per conoscere i volti più interessanti di questo X Factor 2019 e i giudici.

“P***ana” e gli insulti inaccettabili a Malika Ayane che non sono libertà d’espressione

“P***ana” e gli insulti inaccettabili a Malika Ayane che non sono libertà d’espressione
Foto 1 di 8
x
Rating: 5.0/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...