logo
Galleria: Magdalena e Pernille, avversarie con amore: il bacio più bello dei Mondiali

Magdalena e Pernille, avversarie con amore: il bacio più bello dei Mondiali

Magdalena e Pernille, avversarie con amore: il bacio più bello dei Mondiali
Foto 1 di 11
x

Ventisei anni a testa. L’una svedese, l’altra danese. Stanno insieme da sette anni. Si tratta di Magdalena Eriksson e Pernille Harder, due calciatrici delle rispettive nazionali delle loro origini, che in questi giorni si sono fronteggiate sul campo. E poi ieri, alla vittoria dell’una, l’altra le ha dato, nel rettangolo di gioco a fine partita, un bacio tenero e appassionato, indossando la maglia della compagna.

I Mondiali di calcio femminile in Francia ci stanno regalando emozioni infinite. Non solo per le nostre azzurre che ci stanno facendo sognare, ma anche per il modo in cui questo sport si sta esprimendo tra storie collaterali – come quella tra Magdalena Eriksson e Pernille Harder – fair play e i sorrisi di queste atlete che spengono per un attimo la misoginia dilagante.

La disgustosa vignetta di Charlie Hebdo sui mondiali di calcio femminili

La disgustosa vignetta di Charlie Hebdo sui mondiali di calcio femminili

Magdalena Eriksson e Pernille Harder hanno già giocato l’una contro l’altra. Durante le qualificazioni, la Svezia ha battuto la Danimarca. Ma l’amore e il fair play sono un’altra cosa e allora, come riporta Repubblica, in occasione della vittoria della Svezia contro il Canada – che è valsa alla nazionale scandinava la conquista dei quarti di finale, Pernille, smessi per un attimo i panni di atleta danese, ha indossato la maglia della nazionale di calcio svedese per sostenere la propria compagna.

E suggellando con questo bacio, che sta facendo il giro del mondo, il trionfo. Perché sono i sentimenti che stanno trionfando in questo mondiale, l’amicizia, l’ambizione pulita, quello che dovrebbe rappresentare sempre lo sport nell’immaginario collettivo.

Sfogliamo insieme questa gallery per conoscere meglio Magdalena Eriksson e Pernille Harder.