logo
Galleria: Woody Allen, la moglie: “Mio marito è innocente, Mia Farrow cattiva madre”

Woody Allen, la moglie: "Mio marito è innocente, Mia Farrow cattiva madre"

Soon-Yi, giovane moglie di Woody Allen, racconta particolari inediti del suo rapporto con il regista e attacca, senza mezzi termini, la madre adottiva Mia Farrow.

Woody Allen, la moglie: “Mio marito è innocente, Mia Farrow cattiva madre”

Woody Allen, la moglie: "Mio marito è innocente, Mia Farrow cattiva madre"
Foto 1 di 6
x

A parlare è Soon-Yi Previn, la moglie 47enne di Woody Allen (82 anni) e figlia adottiva della sua ex Mia Farrow. Per la prima volta, intervistata da “Vulture” (New York Magazine), Soon-Yi racconta particolari inediti del suo rapporto con Woody e attacca, senza mezzi termini, Mia Farrow:

Le accuse rivolte a Woody Allen sono infondate, ad aver abusato, ai miei danni, è stata invece mia madre adottiva. Mia non ha mai avuto istinto materno nei miei confronti.

Come saprete, infatti, Soon-Yi è stata adottata dalla Farrow e dall’ex marito Andre Previn:

Ciò che è successo a Woody è così sconvolgente, così ingiusto. Mia ha approfittato del movimento #MeToo e ha presentato Dylan come vittima… ma è stato tutto inventato.

Non ha riservato, nel corso dell’intervista, parole di stima verso Mia:

Non ha mai mostrato istinto materno nei miei confronti. Quando ero piccola avevo qualche difficoltà nell’apprendimento ortografico e Mia allora mi scriveva le lettera sulle braccia per farmele ricordare e mi teneva a testa in giù perché pensava che il sangue, andandomi alla testa, mi avrebbe reso più intelligente…Mi picchiava con una spazzola e mi chiamava ‘stupida’.

A casa, con lei, c’erano anche i figli biologici della coppia, sei in tutto (nella nostra Gallery ricostruiamo la storia di questa famiglia “allargata”):

C’era una gerarchia e mia madre adottiva non ha mai cercato di nasconderlo, Fletcher era la stella, la bambina d’oro e io e i miei fratelli adottivi siamo stati trattati sempre come “domestici”.

Rating: 4.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...