"Ero sempre o non abbastanza nera o troppo poco bianca": il dilemma di Golda Rosheuvel

Golda Rosheuvel, la celebre regina Carlotta di Bridgerton, ha ammesso di essere stata oggetto di commenti razzisti all'interno del mondo dello spettacolo

Golda Rosheuvel, l’attrice che interpreta la regina Carlotta nella serie di successo di Netflix Bridgerton, ha dichiarato di essere stata oggetto di commenti razzisti nel corso della sua vita. “Ero sempre o non abbastanza nera o troppo poco bianca”, ha ammesso in un’intervista.

Rosheuvel è nata in Guyana da padre nero (un prete originario della Guyana) e madre bianca (un’assistente sociale inglese). Quando aveva cinque anni si sono trasferiti a Londra, dove l’attrice è cresciuta in un ambiente particolarmente progressista e benestante.

“Se una coppia interrazziale ora sembra ancora…immagina allora”, ha riferito, ammettendo di sentirsi ancora molto vicina alle sue radici della Guyana. “Anche se non torno sull’isola da molto tempo, fa parte di me”. Rosheuvel ha ammesso di dovere molto ai suoi genitori. “L’eredità che hanno lasciato a me e mio fratello è stata quella di incoraggiarci ad accettare quello che siamo”.

“Ricordo che da bambina ascoltavo affascinata le conversazioni che avevano con amici e familiari su come migliorare il mondo dalla nostra piccola bolla. È stata una benedizione crescere in quell’ambiente, grazie all’influenza di entrambe le culture”.

I problemi per Rosheuvel arrivarono con i primi contatti con il mondo esterno a quello familiare, che diedero inizio a una instancabile ricerca della sua identità birazziale. Spesso non si è sentita a suo agio a causa del suo aspetto. “Non ero abbastanza nera o non abbastanza bianca, ero troppo in una cosa, non abbastanza nell’altra… è stato molto frustrante per me”, ha ricordato.

Dopo aver mosso i primi passi da atleta in gioventù, un infortunio l’ha spinta a optare per la recitazione. In teatro ha trovato la sua passione, ma il fatto che le venissero proposti sempre ruoli stereotipati l’ha spinta ad abbandonare quel mondo. “Mi piaceva il mio lavoro, ma non mi soddisfaceva. Ho dovuto smettere, fare un passo indietro e dire no ai ruoli stereotipati per trovare la mia identità nel settore. Grazie a quella pausa ho capito chi ero e cosa volevo fare”, ha ammesso.

Da quella decisione rischiosa sono arrivate nuove, interessanti opportunità. Come interpretare un Otello donna e lesbica o, ancora, la Regina Carlotta. “È strano e interessante essere in questa posizione. Quello che faccio interessa alla gente”, ha detto, sorpresa. “Non mi considero una persona politica, ma ho visto che il lavoro che faccio è molto politico”.

La regina Charlotte le ha permesso di “entrare nelle stanze decisionali” a cui in precedenza non aveva accesso. Le ha regalato un successo internazionale dopo i 50 anni che è stata capace di sfruttare, rivendicando la sua età e la sua identità razziale e sessuale (ha una compagna, la drammaturga Shireen Mula).

“Se il mio esempio aiuta qualcuno a pensare che i sogni si possono realizzare, a prescindere da chi si è, io lo festeggio. So di essere in una posizione privilegiata e non la prendo alla leggera”.

Articolo originale pubblicato il 25 maggio 2023

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!