Dove Cameron, 26 anni, star Disney della serie di film Descendants e cantante (il suo ultimo singolo, Boyfriend, è arrivato al primo posto sulla Emerging Artists Chart), ha condiviso sul suo profilo Instagram un post in cui si apre sulle sue difficoltà legate alla percezione di sé e alla sua identità.

Ultimamente sto coprendo gli specchi. Mi sono sentita male negli abiti che mi facevano sentire bella“, ha scritto Cameron nel post. La cantante ha condiviso selfie di lei, in lacrime, allo specchio, e gli screenshots di una lunga nota in cui esprime i suoi pensieri più profondi su di sé. Nella didascalia del post, parla di identità contro l’essere, disforia e depressione.

Nel post, Cameron ha spiegato che negli ultimi tempi sta lottando con “il concetto di sé, la mia relazione interiore con chi so di essere e il mio sé esteriore percepibile che sento di non aver mai conosciuto ma che sembra conoscano le altre persone“. La cantante non ha paura di dire apertamente che ha pianto molto, a volte “terrorizzata” dalla sua immagine vista allo specchio, e a volte persa in un flusso gioioso e nuovo di sé.

Inoltre, ha aggiunto che “la sessualità e le norme di genere performative della società” la stanno mettendo in crisi. Dove Cameron si è dichiarata queer nel 2021. Inoltre, ha spiegato come la molta visibilità che danno i social media, la trasmissione e la condivisione costante di sé, sia uno dei “problemi moderni” che spesso danneggiano la salute mentale.

Sto indagando, sto lottando e sto cercando di mantenere una curiosità tranquilla e non giudicante piuttosto che punirmi per non sapere cosa sto provando“, ha continuato la ragazza.

Anche se, come ha scritto, non ha condiviso alcuna risposta con i suoi fan, Cameron ha detto che è importante avere certe conversazioni con gli altri, essere aperti anche quando non si riesce a comprendere appieno qualcosa, perché sono sentimenti di cui non dobbiamo vergognarci e che tutti possiamo sperimentare nel corso della nostra vita. La cantante ha fatto sapere ai fan che non vuole che “si sentano soli in un mare di persone che sembra si sentano a loro agio nella loro identità“.

Meritavamo tutti una vita libera dall’identità creata dalla società, tutti meritiamo di disimparare l’abuso di sé e l’odio verso se stessi“, ha affermato con convinzione la ragazza, aggiungendo che trovandosi lei stessa, al momento, in un viaggio alla ricerca di sé, ha condiviso i suoi pensieri affinché tutti possano sentirsi liberi e al sicuro nell’esprimere certi sentimenti, senza la paura di essere giudicati.

La disforia è OK. Vivere come un essere umano è INTENSO. Ci stiamo tutti tenendo per mano. Non dimenticatelo“, ha concluso Dove Cameron.

Madame e la voce di chi cerca la propria identità fuori da gabbie e moralismi

La cantante ha aggiunto che sta nutrendo la “speranza” che nonostante i social possano avere un lato oscuro, possano anche diventare un importante mezzo e uno spazio per parlare sinceramente delle cose che forse ci fanno paura, ma che possiamo affrontare tutti insieme, senza vergogna.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!