logo
Stai leggendo: Tutti pazzi per il museo della pizza

Tutti pazzi per il museo della pizza

Anche la pizza avrà finalmente un posto tutto per sé. Sarà a New York, la location è ancora segreta ma le aspettative sono grandi.

Più che di un museo si tratta di una gallery pop-up dedicata interamente a uno dei più famosi cibi al mondo: la pizza. Il progetto nasce dalla Nameless Network, una media company con sede a Brooklyn. La gallery sarà visitabile nella seconda metà del mese di ottobre, dal 13 al 28 e il biglietto d’ingresso costerà 35 dollari.

Al momento la location è ancora segreta, il che alimenta maggiormente la curiosità dei futuri visitatori. L’azienda ha svelato alla rivista The Cut che la gallery comprenderà stanze a tema, fotografie e una spiaggia “pizzaiola” (che non sappiamo bene di cosa si tratti, ma solo il nome ci fa venir voglia di vederla e soprattutto fotografarla).

Insomma del museo ha ben poco e si parlerà poco o niente della storia della pizza, sarà più che altro un vero e proprio mondo-pizza “instagrammabile”. Vi lasciamo solo immaginare la quantità di fotografie con l’hashtag #foodporn che verranno pubblicate in quei giorni e il soggetto principale non potrà che essere lei: la regina pizza.

In linea con la natura super “intagrammabile” del museo sono le stesse fotografie promozionali: modelle e modelli seminudi che assaggiano una pizza mentre ammiccano con la macchina fotografica su sfondi rigidamente gialli e rossi. Colori del pomodoro e della mozzarella (sappiamo che gli Americani non hanno le nostre stesse abitudini con il formaggio quindi il giallo li è concesso) che saranno riconosciuti in tutto il mondo.

È stato proprio questo motivo a spingere la Nameless Network nella creazione del museo della pizza. La pizza è ovunque, chi non la conosce? È un linguaggio universale che unisce ogni cittadino del mondo.

Noi vediamo l’ora di visitare un posto dedicato alla pizza e, perché no, regalarci anche un assaggino. Speriamo.