Sappiamo che Shonda Rhimes ha un gusto tutto suo nel far “soffrire” gli affezionati spettatori dei suoi show da record, con addii improvvisi e defezioni che lasciano l’amaro in bocca ai fan; eppure, stavolta la scelta di “eliminare” il dottor Alex Karev da Grey’s Anatomy potrebbe non dipendere dall’ormai risaputo sadismo della regina dei drama made in USA.

Shonda Rhimes, le altre serie tv oltre Grey's Anatomy in cui ha sfogato il suo sadismo

Le opinioni sembrerebbero infatti propendere più per una decisione presa dall’interprete del medico, Justin Chambers, presente sin dalla prima puntata nel cast del medical drama, e a farlo pensare sarebbero diversi “indizi”.

Primo fra tutti, il fatto che l’addio del dottor Karev non sia stato annunciato, come accaduto con altri personaggi “storici” di Greys’ con una puntata speciale dedicata all’evento, ma sia invece stato “liquidato” piuttosto velocemente. Il 10 gennaio, Chamber aveva annunciato di voler smettere il camice bianco dopo più di 15 stagioni:

Non c’è un buon momento per dire addio a una serie e a un personaggio che hanno definito così tanto la mia vita negli ultimi 15 anni – ha spiegato l’attore a Deadline – È da qualche tempo, tuttavia, che sento il bisogno di ridefinire i miei ruoli come attore e le mie scelte professionali. E quando hai 50 anni e sei benedetto con una moglie straordinaria e solidale come la mia e cinque figli meravigliosi, il momento è ora. Mentre mi allontano da Grey’s Anatomy, vorrei ringraziare la famiglia di ABC, Shonda Rimes, i membri del cast originario Ellen Pompeo, Chandra Wilson e James Pickens, il resto del magnifico cast e della troupe e, ovviamente, i fan, per quest’avventura straordinaria.

Il pubblico italiano, del resto, forse in maniera del tutto inconsapevole ha già assistito all’ultimo episodio in cui compare Alex Karev: si tratta della puntata numero otto della sedicesima stagione, La mia occasione, andato in onda in Italia su FoxLife il 16 dicembre. Solo nella puntata successiva gli spettatori hanno appreso che Alex era tornato a casa per assistere la madre malata. Un’uscita di scena assolutamente silenziosa che può essere considerata a pieno diritto, proprio per l’indifferenza con cui è avvenuta, anche la più triste.

Ma, in fondo, proprio questo è l’indizio principale che fa ritenere che la scelta di allontanarsi dal set sia stata tutta di Chambers: anzi, questa “fretta” con cui il dottor Karev è stato salutato ha fatto supporre a molti che Justin abbia deciso piuttosto a sorpresa, e velocemente, di abbandonare Grey’s Anatomy non proseguendo con la sedicesima stagione, tanto inaspettatamente che gli sceneggiatori non hanno neppure avuto il tempo di scrivere un plot che gli regalasse l’addio che un personaggio del suo peso avrebbe meritato.

E che né le pagine social ufficiale della serie, né quelle di Shonda, Ellen o degli altri membri del cast abbiano – almeno per ora –  fatto in tempo a scrivere due parole per commentare la “perdita” del dottor Karev.

A “resistere” al Seattle Grace Hospital rimangono dunque Ellen Pompeo – che ha però spaventato i fan – Chandra Wilson (Miranda Bailey) e James Pickens Jr (Richard Webber). Shonda Rhimes, però, nonostante gli importanti abbandoni che nel tempo si sono susseguiti nel cast non ha alcuna intenzione di scrivere la parola fine su Grey’s Anatomy, che non a caso è stata già rinnovata per una diciassettesima stagione, in cui, senz’altro, ci sarà Meredith Grey: la Pompeo ha infatti siglato un accordo che la vincola fino alla primavera del 2021. Del resto, la stessa presidente di ABC Entertainment, Karey Burke, ha dichiarato

Grey’s Anatomy vivrà fino a quando Ellen sarà interessata a interpretare Meredith Grey.

 

La discussione continua nel gruppo privato!