Maturità 2020, le materie della seconda prova - Roba da Donne

Siamo solo a gennaio, ma per qualcuno è già tempo di pensare all’estate; ad esempio, i 500 mila ragazzi che nel 2020 affronteranno la maturità. Il Miur, Ministero dell’Istruzione, ha infatti reso note le materie che saranno protagoniste delle seconde prove nell’esame di Stato di quest’anno. Vediamole:

  • Classico: greco e latino
  • Scientifico: matematica e fisica
  • Enogastronomia e ospitalità alberghiera, articolazione Enogastronomia: laboratorio di servizi enogastronomici-cucina e Scienza e cultura dell’alimentazione.
  • Istituto per i Servizi per l’agricoltura: valorizzazione delle attività produttive e legislazione di settore ed Economia agraria e dello sviluppo territoriale.
  • Tecnico per il Turismo: discipline turistiche e aziendali e inglese.
  • Tecnico indirizzo Informatica: sistemi e reti e informatica.
  • Liceo delle Scienze umane, opzione Economico-sociale: diritto ed economia politica e scienze umane.

Ci saranno sicuramente alcune novità rispetto all’anno passato, prima fra tutte l’obbligo di aver sostenuto la prova Invalsi per poter essere ammessi alla maturità. Ma alcune differenze si profilano anche per la composizione stessa delle prove: nel primo test, infatti, quello di italiano, viene reintrodotto il tema storico, fortemente voluto da Liliana Segre (con alcune personalità della letteratura, fra cui Andrea Camilleri), che si è battuta a lungo per non farlo cancellare, mentre all’orale è stato eliminato il sorteggio delle tre buste inaugurato nel 2019.

Maturità 2019: quali sono le doppie materie della seconda prova e le altre novità

Nella prima prova, quindi, restano tre tracce:

  • Tipologia A: analisi del testo (2 autori, 2 tracce)
  • Tipologia B: testo argomentativo (3 tracce), di cui una obbligatoriamente a carattere storico
  • Tipologia C: tema d’attualità (2 tracce).

Mentre la seconda prova non sembra aver subito troppe variazioni rispetto al recente passato; ovviamente la scelta delle materie dipende e dalle discipline che caratterizzano di ogni indirizzo di studio.

Negli istituti professionali, una prima parte della prova verrà predisposta dal Ministero, mentre la seconda verrà elaborata dalla commissione sulla base del percorso svolto dalla scuola.

Sul capitolo date, la prima prova avrà luogo mercoledì 17 giugno, la seconda il giorno seguente.

La discussione continua nel gruppo privato!