Una medica che opera all’ospedale Carlo Poma di Mantova, presso il pronto soccorso, è stata vittima di un’aggressione da parte di una paziente che pretendeva di essere ricoverata in Psichiatria. L’episodio risale a sabato 30 luglio 2022, ma è venuto alla luce solo nelle ultime ore.

Sulla base di quanto emerso, una donna si è presentata presso la struttura lombarda raccontando al personale di avere da poco litigato con il marito. Chi era in turno in quel momento non riteneva la permanenza nella struttura necessaria e l’ha così invitata a tornare a casa.

Dania Mondini, giornalista del Tg1: denuncia ex dirigenti Rai per aggressioni verbali

Lei ha rifiutato, ma ha avuto la possibilità di parlare con un dottore del reparto, che ha escluso ulteriormente il ricovero. La donna, la cui identità non è stata resa nota, non ha però preso bene la scelta e ha così iniziato a colpire con un bastone che aveva con sé la medica. Quest’ultima ha provato il più possibile ad attutire la situazione con un braccio. Determinante per arrivare a sedare l’aggressione è stato l’intervento di alcuni colleghi presenti sul posto. Il trauma che è stato riscontrato è risultato guaribile nell’arco di pochi giorni.

Non si tratta però del primo episodio simile di cui è stata vittima la medica. L’ultimo risale al mese di aprile, sempre mentre si trovava in turno al Pronto Soccorso. In quel caso era stato un uomo a inveire contro di lei prendendola a pugni in faccia. Il paziente aveva deciso di rivalersi su di lei sostenendo di avere subito il furto delle ciabatte mentre si trovava in sala da attesa. In entrambi i casi è scattata la denuncia.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!