"La panchina", il (dolce) libro per bambini di Meghan Markle

Il volume, disponibile in Italia a partire dall'11 novembre, è già al primo posto della classifica del New York Times e racconta l'evoluzione e la profondità del rapporto tra padre e figlio. Le illustrazioni sono a cura dell'artista bestseller Christian Robinson.

La panchina inizia con una poesia che ho scritto per mio marito nel giorno della festa del papà, il mese seguente alla nascita di Archie“. Racconta così Meghan Markle, duchessa di Sussex, la storia della nascita del suo nuovo libro per bambini, La panchina, edito da Ape Junior, marchio di Adriano Salani, disponibile a partire dall’11 novembre.

Chi sono le 15 donne scelte da Meghan Markle per la copertina di Vogue

Già al primo posto della classifica del New York Times, il libro è tutto incentrato sul rapporto tra padre e figlio, cogliendo l’evoluzione e la profondità del sentimento che li lega. Ad illustrare La panchina è stato l’artista bestseller Christian Robinson, vincitore del Caldecott, uno dei riconoscimenti più importanti a livello internazionale per l’illustrazione dell’infanzia. Robinson è riuscito a rendere alla perfezione i diversi momenti di dolcezza e tenerezza tra un gruppo vario di padri e di figli, su situazioni di pace, riflessione, verità, fede, scoperta e insegnamento.

Meghan, che grazie alla Fondazione Archewell, si occupa spesso insieme al marito di temi legati all’infanzia, ha voluto raccontare la sua storia attraverso una prospettiva molto inclusiva.

“Da quella poesia che ho scritto è nata una storia. Christian l’ha sviluppata traducendola in stupende e delicate illustrazioni in acquarello che colgono il calore, la gioia, la dolcezza della relazione tra padri e figli in ogni tappa della vita; questa rappresentazione era particolarmente importante per me e con Christian abbiamo lavorato a stretto contatto per raffigurare questo speciale legame attraverso una prospettiva inclusiva. La mia speranza è che ogni famiglia, di qualsiasi tipo essa sia, si possa rispecchiare nelle pagine de La panchina, esattamente come è stato per la mia”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!