Michela Giraud è stata conduttrice de Le Iene per una sera, al fianco di Nicola Savino. Come le altre donne che l’hanno preceduta (Come Elodie, Paola Egonu o Madame), anche la comica è stata protagonista di un monologo: abbandonando per qualche minuto le battute e l’ironia, ha parlato degli haters e dei commenti che spesso riceve sui social.

“Ma quanto sono amata? Specie sui social. Mi scrivono cose bellissime, tipo “sei grassa”, “sei volgare”, “sei grassa e volgare”, “fai comicità per casalinghe”. Non sapevo fosse un’offesa, tra l’altro. Il mio ragazzo mi dice di non dargli peso, che questa gente non si merita il mio tempo e ha ragione, ma io ci sto male. Non vorrei leggere quelle cose, ma non resisto. Rosico. Io mi siedo a pensare una risposta arguta che possa dimostrare la mia superiorità intellettuale, quando invece sto solo a rosicà. Poi mi dicono “e fattela ‘na risata, sei una comica, che t’hanno detto?”. Ognuno però ha la sua storia e la sua sensibilità”,

ha detto Michela. Per poi spiegare, con un velo di ironia, di aver trovato un modo per affrontare l’odio da cui è sommersa sul web a causa del suo aspetto fisico e del suo stile di comicità.

“Io ho trovato la mia soluzione in uno di questi commenti, quando mi hanno scritto “fai schifo”. E ho pensato, anche se fosse? Quindi? E a quel commento ho messo un bel like. Una delle cose più liberatorie che mi siano mai capitate nella vita”.

"C'è solo un'etichetta che posso indossare": il potente messaggio di Paola Egonu

La conclusione del monologo è perfetta: un invito a non dare peso a ciò che le persone scrivono sui social, la rivendicazione di essere sé stessi così come si è, senza dover dar conto a nessuno delle proprie scelte. La libertà di fare schifo, come ha detto la comica.

“Mi son  detta “oh è vero, io faccio proprio schifo, ma quanto è bello fare schifo?”. È una libertà incredibile. In un’epoca in cui tutti vogliamo essere migliori e tutti siamo prigionieri dello sguardo degli altri, darci la possibilità di fare schifo è un atto rivoluzionario. Fare schifo è un diritto ed è un diritto che rivendico con orgoglio. Da oggi, quindi, ringrazio i miei haters e tutte le loro splendide verità. Quando mi dicono che faccio schifo, che sono grassa, che sono volgare e che non faccio ridere io rispondo sì, avete ragione, faccio schifo ma ho anche dei difetti”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!