logo
Stai leggendo: Miranda Kerr è mamma per la seconda volta: è nato Hart

Miranda Kerr è mamma per la seconda volta: è nato Hart

Per la top model Miranda Kerr non si tratta del primo figlio: ha già un'altra bambina, Flynn, frutto dell'amore con Orlando Bloom.
Miranda Kerr

Belle notizie in casa di Miranda Kerr e Evan Spiegel che hanno festeggiato la nascita del piccolo Hart. Lunedì, intorno alle 23.50, presso il Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, per la supermodella è venuto alla luce il suo primo figlio con il fondatore di Snapchat. Lo hanno chiamato Hart così come il nonno dell’imprenditore che svolgeva la professione di avvocato a San Francisco. Per la top model, però, non si tratta del primo figlio: ha già una bambina, Flynn, frutto dell’amore con Orlando Bloom.

Tra qualche giorno, tra l’altro, Miranda Kerr e Evan Spiegel festeggeranno il loro primo anniversario di nozze. “Le parole non possono spiegare quanto siamo felici di accogliere il nostro bellissimo figlio nella nostra famiglia. Miranda sta bene e Flynn è entusiasta di essere un fratello maggiore. Grazie per le gentili parole e auguri in questo momento molto speciale” hanno dichiarato i due genitori, felicissimi per questo “regalo” di nozze, il più bello che potessero mai immaginare, a “People”.

Come ricorderete, la Kerr aveva fatto sapere di essere in dolce attesa lo scorso novembre rendendo felice non solo il marito Evan Spiegel ma anche l’altra figlia, Flynn, che adesso ha 7 anni e che sognava di avere un fratellino.

La Kerr, supermodella australiana, è famosa per essere stata dal 2007 al 2013 uno degli Angeli di “Victoria’s Secret”. Nel gennaio 2016 è apparsa sulla cover di “Harper Bazaar Australia”; è stata scelta per la campagna pubblicitaria primavera/estate di “Givenchy” insieme a Mariacarla Boscono, Natalia Vodianova e altre modelle. Ad agosto è stata inserita dalla rivista “Forbes” al settimo posto fra le modelle più pagate al mondo con un guadagno di 6 milioni di dollari. Nel 2017 ha iniziato a collaborare con “Mother Denim” realizzando una collezione di 12 pezzi in jeans il cui ricavato è andato a una fondazione che aiuta le donne in difficoltà e i neonati prematuri.