Monica Cannady e due dei suoi tre figli sono stati trovati morti di ipotermia in un campo del Michigan, vicino Pontiac, USA, il 15 gennaio, dopo aver vagato per giorni. A ritrovare i corpi sono stati gli agenti della contea di Oakland.

Due giorni prima che Monica Cannady e i suoi due figli venissero trovati morti congelati, i vicini preoccupati hanno iniziato ad avvisare la polizia di una famiglia che vagava nella zona indossando abiti che non avrebbero potuto proteggerli dal freddo.

Monica Cannady, 35 anni, ha avuto una crisi di salute mentale nei giorni precedenti la macabra scoperta ed era convinta che qualcuno volesse ucciderla, come ha dichiarato alla stampa la polizia della contea di Oakland. Secondo quanto riferito, la donna avrebbe ordinato ai suoi figli, Lilly Milton, 10 anni, Kyle Milton, 9 anni, e Malik Milton, 3 anni, di nascondersi se qualcuno si fosse avvicinato e avrebbe detto loro di sdraiarsi e dormire nel campo.

Soltanto la figlia maggiore Lilly Milton è riuscita a scampare alla morte per ipotermia, precipitandosi in una casa vicina per chiedere aiuto dopo essersi svegliata accanto ai corpi senza vita della madre e dei fratelli.

La star Alicia Witt si apre sui genitori trovati morti in casa senza riscaldamento

Ma perché la famiglia non è stata aiutata prima?

Secondo i documenti ottenuti dall’Independent almeno un agente che ha risposto alle chiamate dei vicini preoccupati è ora sotto inchiesta per aver presumibilmente omesso di effettuare una ricerca completa dell’area in cui la famiglia era stata avvistata.

Inoltre, altri due vicesceriffi sono entrati in contatto con la famiglia in tre luoghi diversi: i bambini indossavano solo una felpa ed erano avvolti in lenzuola bianche. Gli agenti hanno offerto loro dei cappotti. Le autorità non sono intervenute ulteriormente perché Cannady “non sembrava soffrire di alcuna crisi medica o mentale e ha chiesto più volte di essere lasciato in pace“, ha detto la polizia di Oakland.

Gli agenti sostengono di non aver collegato immediatamente i loro precedenti incontri con una Cannady apparentemente “lucida” a quanto riferito dalla sua famiglia, secondo cui la donna stava avendo un episodio di paranoia e “credeva che la polizia fosse coinvolta nella cospirazione“.

La zia Rodhesa Cannady ha dichiarato all’Independent che Cannady non aveva una storia di problemi di salute mentale precedente e si era sempre presa cura dei suoi figli.

Qualunque cosa sia accaduta nelle ultime settimane è stato il suo primo esordio. Questa tragedia era chiaramente fuori dal suo carattere ed è arrivata all’improvviso“, ha dichiarato Rodhesa Cannady. “Amava i suoi figli e questo era il nocciolo della questione, era quello che era.”

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!