logo
Stai leggendo: Discovery Day: perché tantissime donne dovrebbero scoprire di essere incinte

Discovery Day: perché tantissime donne dovrebbero scoprire di essere incinte

Lo chiamano il Discovery Day, e per uno studio sarebbe il giorno dell'anno in cui più donne scoprono di essere incinte. Talvolta abusando anche dei test di gravidanza...

Si chiama Discovery Day, ma non ha niente a che fare con la scoperta dell’America. Il 17 gennaio sarebbe invece il giorno in cui il maggior numero di donne, rispetto agli altri giorni dell’anno, scoprirà di essere incinta. Non siamo noi a dirlo, ma uno studio condotto dal portale ChannelMum.com.

Secondo la ricerca di questo sito web, proprio il 17 gennaio più di 10 mila donne scoprono di diventare mamma, peraltro a distanza di 15 giorni da un altro importante momento per le future mamme: il National Baby Making Day del 2 gennaio, ovvero il giorno dell’anno in cui più coppie cercano di avere un figlio. Dunque oggi – stando a questa ricerca – migliaia di donne faranno il test di gravidanza.

Attenzione, però, manteniamo tutto sul condizionale, anche per non incorrere in quel fenomeno chiamato “dipendenza dal test di gravidanza” che colpisce moltissime donne. Gli esperti stimano che, per essere sicure di aspettare un bambino, addirittura 62 donne su 100 eseguono il test in media sei volte, per una spesa complessiva che si aggira intorno ai 35 euro circa, e a prescindere dal fatto che il primo test sia già risultato positivo.

Il campione di questa ricerca ha visto coinvolte 1.435 mamme, e dall’analisi dei loro comportamenti è emerso che una su 12 continua a eseguire test di gravidanza fino all’ecografia della 12^ settimana.

Continuare a fare test di gravidanza può sembrare strano, ma la maggior parte delle future mamme non riesce a farne a meno. Vedere il segno positivo rassicura quelle che sono in ansia per la loro gravidanza. Abbiamo saputo di madri che hanno fatto fino a cinque test in un giorno per verificare di essere ancora incinte: a chi è così ansiosa, è consigliabile chiedere un supporto professionale.

Lo ha assicurato Siobhan Freegard, fondatore di ChannelMum.com

Per quanto riguarda l’annuncio di gravidanza, invece, sempre la ricerca sostiene che molte future mamme, oggi, non attendono più il terzo mese (in questa fase iniziale il rischio aborto è piuttosto elevato) per annunciare la gravidanza: solo il 26% attende infatti la prima ecografia per far sapere ad amici e parenti di essere in dolce attesa. Al contrario, molte future mamme si dimostrano parecchio social, annunciando per il 45% dei casi la gravidanza su Facebook, Instagram o Twitter. E le star, ovviamente, non fanno eccezione, se pensiamo agli annunci di Beyoncé, Kirsten Dunst e di molte altre star che proprio sui social media hanno voluto condividere la lieta novella con i followers.

La moda è questa, che piaccia o no. Certo ci incuriosisce sapere quante di loro hanno saputo di essere incinte proprio il 17 gennaio…

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...