Jennifer Lawrence, 32 anni, ha parlato di come si sente all’idea di essere una neo-mamma nell’intervista di copertina per il numero di ottobre di Vogue.

L’attrice ha dato alla luce suo figlio a febbraio e ha rivelato che si tratta di un maschio, avuto con il marito Cooke Maroney, che ha sposato nell’ottobre 2019.

Nell’intervista con Vogue Lawrence ha parlato della sua vita da neo-mamma e di come la maternità sia diversa per ogni persona: “È così spaventoso parlare di maternità… Perché è così diverso per ognuno. Se dico ‘È stato fantastico fin dall’inizio’, alcune persone penseranno ‘Non è stato fantastico per me’ e si sentiranno in colpa“, ha dichiarato alla rivista. “Per fortuna ho tante amiche che sono state oneste. Che mi hanno detto: ‘È spaventoso. Potresti non legare subito. Potresti non innamorarti subito'”.

Jennifer Lawrence ha raccontato che al nono mese, mentre stava passeggiando con una sua amica, ha riflettuto sull’amore che avrebbe provato per suo figlio: “Ricordo di aver pensato:’Tutti continuano a dire che amerò il mio bambino più del mio gatto. Ma non è vero. Forse lo amerò quanto il mio gatto?’“.

L’attrice ha continuato dicendo che, una volta diventata mamma, per lei è stato come se il suo cuore avesse esteso la sua capacità di amare e di apprezzare “i bambini che sono tra noi“.

Lawrence ha aggiunto che, dopo il parto, si è sentita come se la sua vita fosse ricominciata, “come se fosse il primo giorno della mia vita“, ha detto “L’ho fissato. Ero così innamorata. Ora amo tutti i bambini“.

Con l’umorismo che la contraddistingue, Lawrence ha poi scherzato sul fatto che, anche se per lei i bambini sono fantastici, tutti crescono prima o poi. “Un giorno guiderà. Sarà uno stupido adolescente e si metterà al volante di un’auto. E io gli dirò: ‘Buonanotte!’. Capite? Come dire, chi dorme?“, ha scherzato l’attrice.

Lawrence, inoltre, ha affermato di sentirsi grata per aver avuto una gravidanza senza complicazioni, e il suo pensiero è andato all’annullamento della legge che garantiva l’aborto in USA a livello federale, la Roe v Wade. “Penso alle cose che sono successe al mio corpo. Ho avuto una gravidanza molto fortunata. Ma ogni singolo secondo della mia vita era diverso. E a volte mi veniva in mente: e se fossi stata costretta a farlo?“, ha riflettuto.

L’attrice, da sempre molto attiva politicamente, ha mostrato il suo sostegno ai diritti dell’aborto mentre era incinta lo scorso autunno, insieme all’amica Amy Schumer, al Rally for Abortion Justice a Washington.

Io non ho un utero e lei è incinta” ha scritto Schumer in quell’occasione “ma siamo comunque qui“.

"Io senza utero e lei incinta": Amy Schumer e Jennifer Lawrence in difesa dell'aborto

Lawrence ha anche detto che, essendo diventata mamma, è ancora più ferma nella sua posizione sul controllo delle armi in USA: “Sto crescendo un bambino che un giorno andrà a scuola“, ha dichiarato “Le armi sono la prima causa di morte per i bambini negli Stati Uniti. E la gente continua a votare per politici che ricevono soldi dalla [National Rifle Association]. Mi fa impazzire“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!