logo
Stai leggendo: Cosa comporta la proroga di “opzione donna” per le nostre pensioni

Cosa comporta la proroga di “opzione donna” per le nostre pensioni

Il disegno di legge approvato in governo dispone la proroga dell'opzione donna, uno dei principali strumenti di flessibilità previdenziale a favore delle lavoratrici. Ecco in che cosa consiste.

Nelle scorse ore il consiglio dei Ministri ha approvato il testo della nuova legge di bilancio 2019, che entro i prossimi giorni sarà presentato in Parlamento. Come evidenziato dal Sole24ore, in ambito previdenziale, una delle cose che salta all’occhio è la proroga dell’opzione donna, che il ministro del Lavoro Luigi Di Maio aveva già annunciato nelle passate settimane. Che cos’è l’opzione donna e in che modo influisce sulle nostre pensioni?

L’opzione donna è uno strumento di flessibilità previdenziale che permette di accorciare gli attuali termini previsti per andare in pensione. Questa misura è stata introdotta nel nostro ordinamento per la prima volta dalla legge Maroni 243/2004 e, di proroga in proroga, è arrivata fino ad oggi. Le lavoratrici in possesso dei requisiti previsti per usufruire dell’opzione donna avranno la possibilità di accedere a una pensione di anzianità anticipata, con un assegno calcolato interamente con il sistema contributivo.

Per poter accedere alla pensione anticipata sono necessari alcuni requisiti fondamentali. Il primo riguarda l’età: le lavoratrici dipendenti devono avere 58 anni, mentre per le lavoratrici autonome la soglia si alza a 59 anni. Il secondo requisito riguarda i contributi versati: tutte le lavoratrici devono aver raggiunto la soglia dei 35 anni di contributi maturati entro il 31 dicembre 2015. Il periodo finestra – ovvero il periodo che passa dalla data di maturazione dei 35 anni di contributi – è di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e di 18 mesi per quelle autonome.

È effettivamente vantaggioso usufruire dell’opzione donna? Per quanto riguarda l’età pensionabile, non c’è dubbio: la legge attualmente in vigore prevede il raggiungimento di almeno 41 anni e 10 mesi di contributi, o di 20 anni di contributi e un’età anagrafica di 66 anni e 7 mesi per lavoratrici del settore pubblico, 65 anni e 7 mesi per quelle del settore privato e 66 anni per quelle autonome.

Mentre, dal punto di vista dell’assegno pensionistico, l’opzione donna prevede un’importante decurtazione variabile dal 20 al 30%. La pensione viene infatti calcolata interamente con il sistema contributivo, ovvero sulla base dei contributi effettivamente versati nel corso dell’intera attività lavorativa. Una differenza notevole: l’assegno calcolato con il sistema misto – cioè basato parzialmente sul sistema contributivo e parzialmente su quello retributivo – sarebbe ben più consistente.

 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...