Samuel Chatto è nato a Londra il 28 luglio, 1996:  lui e suo fratello Arthur Chatto, 23 anni, sono rispettivamente al 29° e al 30° posto nella linea di successione britannica.

Samuel Chatto, 26 anni, meglio conosciuto come Sam, è il figlio dell’ex attore britannico Daniel Satto e di Lady Sarah Chatto, figlia di Antony Armstrong-Jones, Conte di Snowdon, e della defunta Contessa di Snowdon, la Principessa Margaret, sorella minore della regina Elisabetta II.

Morta la Regina cambiano i titoli reali: ecco come

Samuel e Arthur Chatto, insieme ai loro genitori, parteciperanno ai funerali della Regina nell’Abbazia di Westminster oggi, 19 settembre.

Come riporta la stampa, il giovane pronipote della regina ha frequentato l’Eton College e ha poi studiato Storia dell’arte all’Università di Edimburgo: il reale si sta ora impegnando in una carriera come ceramista. Nel 2018, Chatto ha intrapreso un apprendistato di sei settimane presso la North Shore Pottery in Scozia.

L’argilla ha consumato ogni mia ora di veglia e sono così entusiasta di vedere cosa riuscirò a realizzare quest’anno!“, ha scritto il ragazzo in un post.

Samuel Chatto ha anche creato il suo sito internet, ancora in lavorazione, per vendere le sue creazioni.

Chatto è anche un istruttore di yoga professionista: in un post del 2019 ha spiegato di aver completato sei settimane di formazione in India. “È stata un’esperienza che mi ha aperto gli occhi e di cui sono profondamente grato“, ha scritto nella didascalia del post.

Nonostante i reali non abbiano social media, Chatto posta regolarmente sul suo account: questo perché il ragazzo ha una posizione inferiore nella gerarchia di successione al trono, come riporta The Independent, ed è perciò esentato dalla regola del “no social media” che i membri anziani della famiglia reale devono seguire.

Secondo The Independent, Chatto ha interrotto la relazione con la sua compagna di lunga data e collega dello yoga, Sophie Pine: i due si sarebbero frequentati per oltre 4 anni.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!