logo
Stai leggendo: Shadowhunters cancellata, ultima stagione nel 2019

Shadowhunters cancellata, ultima stagione nel 2019

La terza stagione di Shadowhunters sarà l'ultima. Ad annunciarlo il network Freeform che trasmette in USA la serie tv ispirata ai romanzi fantasy di Cassandra Clare.

La terza stagione di Shadowhunters sarà l’ultima. Ad annunciarlo il network Freeform che trasmette in USA la serie tv ispirata ai romanzi fantasy di Cassandra Clare.

Dunque la seconda parte della terza stagione, composta da 12 episodi e attesa nella primavera del 2019, saranno il finale di questa serie tv da noi disponibile su Netflix.

Siamo davvero orgogliosi di Shadowhunters – si legge nel comunicato ufficiale di Freeform -, una serie che ha aperto nuovi orizzonti nel mondo del genere ed è stata amata dal suo pubblico. Tuttavia, insieme con i nostri partner e a Constantin, siamo giunti alla difficile decisione di non rinnovare lo show per una quarta stagione.

Non ci sarà una quarta stagione, ma i fan potranno dormire sonni tranquilli: Freeform ha già fatto sapere che verrà realizzato uno speciale conclusivo diviso in due parti che regalerà ai telespettatori un finale degno di tale nome.

Vogliamo ringraziare i nostri talentuosi creatori, i produttori, il cast, la troupe, insieme ai nostri colleghi alla Constantin per il loro duro lavoro e la dedizione che ci hanno messo. Un grazie speciale anche a Cassandra Clare per la sua incredibile saga letteraria. Non vediamo l’ora di assistere al capitolo finale di questo innovativo drama.

Ma perché la serie tv è stata cancellata? Seppur gli ascolti degli ultimi episodi siano calati in modo significativo rispetto alle prime due stagioni, secondo quanto scrive Hollywood Reporter ad incidere sulla decisione sarebbe stata la fine dell’accordo con Netflix, che aveva acquistato i diritti da Freeform per pubblicare gli episodi ad un solo giorno di distanza rispetto al network americano.

Una partnership che garantiva alla casa di produzione di Shadowhunters, Constantine Film, la copertura dei costi, troppo alti da sostenere senza “l’aiuto” di Netflix.