Supersex: Alessandro Borghi è Rocco Siffredi

"Cosa vuol dire essere maschi? Siamo ancora capaci di conciliare la sessualità e l’affettività?", questo è ciò di cui parla la nuova serie TV di Netflix sulla vita dell'attore pornografico, secondo la sceneggiatrice Francesca Manieri.

Netflix ha deciso di raccontare la storia del pornodivo italiano più famoso del mondo. Rocco Antonio Tano, meglio conosciuto come Rocco Siffredi, sarà l’oggetto di Supersex, una serie ispirata alla vita dell’attore pornografico, prodotta da Lorenzo Mieli e da Matteo Rovere. Ad interpretarlo: Alessandro Borghi, che non ha saputo dire di no alla proposta offertagli dai registi Francesca MazzoleniFrancesco Carrozzini e il già citato Rovere.

Alessandro Borghi, tutto il talento dell'hipster che ama sfidare se stesso

Non è nemmeno la prima volta che Borghi appare sul grande schermo sotto le coperte, basti pensare alla scena di sesso con Giovanna Mezzogiorno in Napoli velata di Ferzan Özpetek.

Il cast di Supersex comprende anche Jasmine Trinca – che con l’attore romane ha già recitato in Sulla mia pelle di Alessio Cremonini – nel ruolo di Lucia, Adriano Giannini in quello di Tommaso e Saul Nanni nella parte di Rocco da ragazzo.

Francesca Manieri, creatrice e sceneggiatrice della serie, già dietro il successo di We are who we are di Luca Guadagnino, ha spiegato:

Supersex è la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo, ad accettare che il demone che ha in corpo sia conciliabile con l’amore. Per farlo deve mettere a nudo l’unica parte di lui che non abbiamo mai visto: la sua anima. Supersex parla di oggi e di noi. Cosa vuol dire essere maschi? Siamo ancora capaci di conciliare la sessualità e l’affettività? Queste le domande che come un caleidoscopio si aprono davanti a noi mentre ci immergiamo nella sua incredibile vita fino a perdere il fiato.

Le riprese sono iniziate da poco a Roma e il progetto mira a trasporre il racconto più onesto della vita di Siffredi: dalla sua infanzia fino al successo nell’industria del porno, all’amore e alla famiglia che si è costruito.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!