BBC News ha avuto accesso alle strutture per persone disabili in Ucraina, dove i pazienti, bambini e anche adulti, subiscono abusi per tutta la vita. L’Ucraina aveva promesso che avrebbe riformato queste strutture, che risalgono a prima della guerra con la Russia.

Secondo il report di BBC News, sono circa 100.000 i bambini e i giovani adulti che vivono in questi istituti e orfanotrofi: l’afflusso di sfollati dall’est a causa della guerra ha messo ulteriormente sotto pressione il sistema, ma il modo in cui le persone disabili vengono trattate è precedente all’invasione russa.

BBC News ha riportato che i pazienti vengono legati e lasciati a se stessi, ignorati quando chiedono aiuto, e gli adulti disabili tra i 20 e i 30 anni vivono in culle per bambini, quando in molti casi adulti con determinate disabilità che sono chiusi in queste strutture potrebbero vivere, con le giuste cure, una vita piena e indipendente.

Molte delle persone nelle strutture hanno famiglie, ma queste vengono convinte a lasciare che i figli si stabiliscano in queste ultime, anziché prendersi cura dei figli a casa, a causa di mancanza di sostegno e servizi.

È molto difficile essere genitori di un bambino disabile“, ha detto alla BBC una donna di nome Maryna, madre di Vasyl, che vive in un orfanotrofio alla periferia della città di Chernivtsi, nel sud-ovest dell’Ucraina, affetto da epilessia e disturbi di apprendimento. “Sono orgogliosa di essere ucraina, ma abbiamo bisogno di maggiore sostegno da parte dello Stato. Se vivessimo nel Regno Unito, probabilmente nostro figlio vivrebbe con noi“.

La donna ha spiegato che il figlio ha crisi epilettiche regolari e può diventare aggressivo, e il sistema sanitario e di assistenza sociale non è in grado di permetterle di prendersi cura di lui a casa. Maryna ha anche detto alla BBC che i primi anni di visita a Vasyl sono stati difficili e loro “tornavano a casa in lacrime“, ma ora hanno imparato a convivere con la situazione.

Gli istituti di questo tipo sono l’eredità di un sistema di epoca sovietica secondo cui la convinzione che i bambini disabili ricevano cure migliori in un istituto era molto radicata. La Romania aveva già chiuso molti dei suoi orfanotrofi dopo il 1989, quando sono stati scoperti bambini che vivevano in condizioni spaventose.

In Ucraina, tuttavia,  la rete di quasi 700 strutture riceve più di 100 milioni di sterline all’anno dallo Stato. Il governo ucraino aveva promesso una serie di riforme negli ultimi anni, riconoscendo che il suo sistema di istituzionalizzazione deve cambiare. Il governo ucraino non ha risposto alla richiesta di commenti della BBC.

Il posto segreto dove Corrie ten Boom ha nascosto le persone con disabilità dai nazisti

Eric Rosenthal, direttore generale del gruppo per i diritti umani Disability Rights International (DRI), ha dichiarato alla BBC che i miliardi di dollari di aiuti internazionali che vengono riversati in Ucraina durante la guerra dovrebbero essere utilizzati anche per chiudere gli orfanotrofi e sostenere le famiglie in modo che possano prendersi cura dei propri figli a casa, per aiutarli a inserirsi nella società.

Sappiamo che gli orfanotrofi non devono esistere“, ha affermato Rosenthal, che ha anche espresso la sua preoccupazione secondo cui parte del denaro possa essere speso per il mantenimento degli istituti e che, dopo la fine della guerra, “l’attenzione internazionale per l’Ucraina finirà e gli orfanotrofi continueranno così come sono“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!