Sembra un video surreale, invece è la triste realtà che avvolge le forze dell’ordine americane. Al confine col Messico agenti a cavallo hanno frustato un gruppo di migranti, provenienti principalmente da Haiti.

I migranti, vittime della brutalità della polizia di frontiera USA, provengono principalmente da Haiti e chiedono asilo al confine messicano.

Il raccapricciante video, diffuso prontamente dai media, mostra gli agenti USA che spronano i cavalli contro i migranti, spingendoli e frustandoli.

Orribile da vedere“, ha commentato la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. “Penso che nessuna persona che abbia visto quelle immagini pensi sia accettabile o appropriato“.

Nel video non ci sono solo adulti, ma anche tantissimi bambini. Si vede chiaramente come gli agenti a cavallo aizzino gli animali contro migranti molto giovani pur di allontanarli. I migranti, con sacchi e valigie, guadano a piedi il fiume cercando di arrivare negli USA per chiedere asilo.

Il giovane intervistato dichiara come debba portare soldi bagnati in USA per poter comprare del cibo ai propri figli, perché quelli inviati dalla sua famiglia non bastano.

Le nostre famiglie ci mandano denaro, ma non possiamo mangiare” dice in spagnolo alla telecamera, mentre mostra le banconote zuppe di acqua. “Abbiamo bambini piccoli, ma non possiamo comprare i pannolini.”

"Più polizia: più sicurezza" Ditelo a Sarah Everard, stuprata e uccisa da un poliziotto

Un episodio a dir poco rivoltante che Biden e il suo ministro Alejandro Mayorkas, primo responsabile dell’Interno ispanico USA, anche lui figlio di rifugiati, dovranno affrontare.

Forti delle sue promesse verso i migranti e il confine col Messico, i sostenitori di Biden adesso sono furiosi e pretendono spiegazioni. Infatti, ricordiamo che il presidente Joe Biden ha preso la decisione di rimpatriare tutti i migranti alla frontiera.

Per cercare di placare le polemiche, è intervenuto il segretario di Stato americano, Antony Blinken. “La migrazione illegale pone gravi rischi ai migranti e alle loro famiglie. Ho parlato con il premier di Haiti, Ariel Henry, sul rimpatrio dei migranti haitiani al confine e sulle difficoltà della migrazione irregolare“, ha scritto in un tweet.

Il video mostrato è di una crudeltà inimmaginabile, attuata verso persone che fuggono dalla rovina politica e dalla profonda indigenza.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!