In attesa che il nuovo governo si possa insediare, l’esecutivo guidato da Mario Draghi ha approvato un altro  bonus del valore di 150 euro inserito all’interno del Decreto Aiuti Ter, volto ad aiutare le famiglie a sostenere l’aumento dei prezzi che riguarda praticamente tutti i settori. A beneficiarne saranno i percettori del reddito di cittadinanza, i lavoratori dipendenti e i pensionati.

Si tratta di un incentivo una tantum, esentasse e che verrà erogato in automatico a chi ne ha diritto, senza che ci sia la necessità di presentare alcuna domanda.

Per quanto riguarda i pensionati, è necessario esser residenti in Italia ed essere titolari di qualsiasi tipo di pensione (diretta o indiretta) a carico di ogni forma previdenziale obbligatoria. In questa categoria rientrano le persone che ricevono pensione di vecchiaia; pensione di reversibilità; assegno sociale; pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti.

A loro si aggiungono anche le persone che ricevono trattamenti di accompagnamento alla pensione; pensione di inabilità; trattamenti di accompagnamento alla pensione (APE sociale, indennizzo commercianti, assegni straordinari a carico dei Fondi di solidarietà, indennità mensili del contratto di espansione); tutti gli altri tipi di pensioni a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria.

Bonus 600 euro per le bollette: chi ne ha diritto, come riceverlo

Unica condizione richiesta è quella di avere un reddito personale ai fini Irpef per il 2021 non superiore a 20mila euro.

Per quanto riguarda invece i lavoratori dipendenti, è necessario avere una retribuzione imponibile per il mese di novembre 2022 pari a 1.538 euro. Questo significa che il reddito è inferiore a 20mila euro annui (in 13 mensilità).  Anche in questo caso, come già accaduto per il bonus concesso a luglio, serve  l’auto- dichiarazione sul possesso dei requisiti.

Nel caso infine dei percettori del reddito di cittadinanza, è necessario che per i nuclei familiari nessuno riceva alcuna indennità una tantum previste dagli articoli 18 e 19 dell’Aiuti Ter.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!