"Lesa privacy e onorabilità": la risposta (tramite avvocati) di Ambra Angiolini a Silvia Slitti

La wedding planner aveva pubblicamente accusato la conduttrice di ostinarsi a vivere nel suo appartamento che le aveva affittato a Milano, anche una volta scaduti i termini del contratto.

Ambra Angiolini ha risposto agli attacchi di Silvia Slitti, che l’aveva accusata di ostinarsi a vivere nell’appartamento che le aveva affittato a Milano, anche una volta scaduti i termini del contratto. La conduttrice lo ha fatto per vie legali, lasciando la parola ai suoi avvocati, dopo le frecciatine social della wedding planner (indirette ma comunque con riferimenti ben comprensibili) e il racconto della storia su Domani, dalla penna di Selvaggia Lucarelli.

Silvia Slitti contro Ambra Angiolini: "Il contratto è scaduto. Ma non se ne va da casa mia"

La risposta di Angiolini, che “non è abituata a fare casino sui social” è arrivata, come detto, tramite una dichiarazione dei suoi avvocati che è stata riportata da Il Giornale e parla di: “notizie diffuse nei post pubblicati sui social e ripresi da ulteriori network, riportate in modo distorto e inappropriato con riferimento a una vicenda strettamente personale di cui si stanno occupando i legali delle parti coinvolte“. Inoltre, si denuncia una “lesione della privacy e dell’onorabilità” della loro assistita.

Silvia Slitti e Giampaolo Pazzini, suo marito ex calciatore, a giugno del 2021 avevano temporaneamente affittato la loro casa milanese alla giudice di XFactor e a Massimiliano Allegri, che al tempo progettavano di vivere insieme. La storia d’amore dei due era però naufragata in fretta: l’allenatore aveva cercato una nuova sistemazione, mentre Angiolini era rimasta nell’abitazione di Slitti insieme alla figlia Jolanda Renga.

Secondo quanto affermato dall’organizzatrice di eventi, Ambra Angiolini sarebbe rimasta a vivere nella sua casa anche una volta scaduti i termini del contratto, sostenendo inoltre di non riuscire a trasferirsi, con la richiesta di essere lasciata in pace. Dopo tentativi di approccio pacifici, Silvia Slitti è sbottata sui social, non citando la conduttrice direttamente ma facendo riferimento a una persona che “promette e non mantiene” (ricalcando il testo del cult T’appartengo che Angiolini pubblicò ai temi di Non è la Rai).

Dopo le dichiarazioni dei legali di Ambra Angiolini, Silvia Slitti è tornata a chiarire su Instagram qualche punto. In una storia ha scritto:

Fonte Instagram @silviaslitti

Voglio chiarire che le frasi: “Ma perché non mettete in mano ai legali?” sono inutili perché è tutto già in mano da mesi ai legali. Quello che avete visto sui miei social è stata solo la conseguenza di mesi e mesi passati in silenzio avendo comprensione per tutti. Una comprensione che invece non è stata riservata a me.

Il web è diviso: tanti stanno prendendo le parti della event planner perché in lei riconoscono la vittima della vicenda. Altri, come Sandra Milo – che ad Ambra ha scritto: “ti si ama incondizionatamente” – hanno sostenuto la posizione della conduttrice, accusando Slitti di essere soprattutto alla ricerca di visibilità. L’attrice ha commentato:

Starà a un giudice stabilire quale sia la verità effettiva e non al tribunale dei social… Prima di emettere una sentenza, si ascoltano entrambe le parti chiamate in causa.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!