"Sono una f*ca, ma troppo f*ca": l'auto-dedica di Arisa su Instagram

Dopo anni passati a nascondere il suo corpo per paura del giudizio degli altri, la cantante ha acquisito una nuova e totale consapevolezza del proprio corpo e della propria femminilità. E lo ha mostrato fiera sui social network.

Dal 2009, anno in cui nella categoria “nuove proposte” si esibiva (e vinceva) sul palco di Sanremo con Sincerità (e un look estroso), Arisa ne ha fatta di strada.

"Sbaglio a essere sincera con voi!": Arisa mostra la collezione di sex toys

Oltre al successo artistico, la cantante genovese – come ha anche ammesso più volte lei stessa – ha acquisito una nuova e totale consapevolezza del proprio corpo e della propria femminilità. Lo si può notare anche grazie agli scatti che l’artista è solita condividere sul suo canale Instagram, come quelli nel post del 5 giugno 2022, in cui si è autodedicata alcuni complimenti.

Arisa si è mostrata di nuovo in lingerie, per celebrare un corpo, che per troppo tempo ha nascosto per paura del giudizio degli altri. La vincitrice di Ballando con le stelle 2021 ha offerto una carrellata di sue immagini, tra cui alcune in cui indossava un body nero scollato, accompagnate dalla seguente didascalia:

1) sono una fica, 2) ma troppo fica, 3) come mai oggi sono così fica?, 4). cacchio oggi mi sento proprio fica, 5) niente male, 6) Tuttapost.

Non è da molto che la cantante ha imparato ad amare se stessa, accettando il proprio corpo senza sentirsi sbagliata o non all’altezza. Un percorso che non è stato facile e in merito al quale l’artista si era già esposta sui social network. “#Eroromantica mi sta cambiando la vita“, aveva detto la popstar invitando tutti ad ascoltare il suo ultimo disco e ribadendo la sua personale battaglia per il raggiungimento della consapevolezza dell’essere donna. La cantante aveva infatti aggiunto:

Mai come ora ci si capisce nel voler a tutti i costi essere donne, senza la vergogna che ci è stata donata nei secoli. Spudorate e decise a riprenderci quello che è nostro, che per troppo tempo ci è stato negato e fatto pesare. Donna per chiunque ci si senta è un diritto, non un reato, né una condizione di serie B.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!