logo
Stai leggendo: Carolyn Smith contro Brigliadori: “Mi auguro di non trovarmela davanti”

Carolyn Smith contro Brigliadori: "Mi auguro di non trovarmela davanti"

Carolyn Smith contro Eleonora Brigliadori e le teorie sulle medicine alternative per curare il tumore: “Offende chi lotta contro i tumori”.
Carolyn Smith contro Brigliadori: "Mi auguro di non trovarmela davanti"

Continua la polemica e le risposte alla frase che Eleonora Brigliadori ha scritto commentando la malattia di Nadia Toffa. A scagliarsi contro la Brigliadori è una dei volti storici di Ballando con le stelle, Carolyn Smith, che a sua volta da tempo lotta contro il tumore, che recentemente si è ripresentato. Nell’ultima edizione del programma di Rai Uno la presidente di Giuria si è mostrata senza turbante in testa e con la testa calva, una scelta coraggiosa che, come lei ha spesso raccontato nei suoi post social, ha spinto anche altre donne ad affrontare la battaglia contro il cancro con più forza e determinazione.

In una lunga intervista al Corriere della Sera, Carolyn Smith ammonisce la Brigliadori dicendo: “Le auguro di non trovarmela di fronte: (…) La prima volta che l’ho sentita parlare sull’argomento sono svenuta. Seriamente, davanti alla tv mi sono sentita male. Dice cose gravissime e offensive, tipo che la chemioterapia uccide, i tumori no. Così facendo offende non solo tutti i medici che ogni giorno si impegnano nella ricerca, ma anche chi lotta contro i tumori”. 

La Smith elogia la scelta della Rai di escludere la showgirl dalla prossima edizione di Pechino Express sostituendo la coppia di Madre e Figlio con quella delle Conduttrici formata da Patrizia Rossetti e Maria Teresa Ruta dicendo: “Mi sono sentita molto protetta dalla Rai e sono orgogliosa di lavorare in un’azienda in cui si ragiona così (ha detto riferendosi all’esclusione della concorrente, ndr). La Rai mi ha tutelata da chi poteva mandare messaggi sbagliati, non tanto a me, che sono forte, ma a tante donne che, forse, lo sono meno. Eleonora Brigliadori dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza prima di parlare (…)Ma dare voce a queste cose sarebbe stato davvero pericoloso.”

Il giornalista chiede alla Smith cosa farebbe se si trovasse di fronte Eleonora Brigliadori, sostenitrice del metodo Hamer, e la donna  risponde: “Le direi esattamente tutto quello che penso. In faccia. Di riflettere e smettere di dire cavolate: non tutte le persone che la sentono sono forti. Io non scendo nello specifico perché ognuno ha un percorso personale, ma per tutti la sola strada è la scienza e la medicina”.