logo
Stai leggendo: “Cercasi banconiste non grasse”: l’annuncio di lavoro choc a Brindisi

“Cercasi banconiste non grasse”: l’annuncio di lavoro choc a Brindisi

Un pasticcere di Brindisi pubblica un annuncio di lavoro piuttosto discriminatorio ma su Facebook spiega la motivazione di quella frase contro le ragazze in carne e si scusa.
“Cercasi banconiste non grasse”: l’annuncio di lavoro choc a Brindisi

Ha fatto discutere l’annuncio di ricerca del personale pubblicato  sul portale Indeed dal titolare della pasticceria Dolci creazioni di Fabio Ravone, di Brindisi. Nei social ha scatenato una vera e propria bufera perché tra le richieste fatte dal titolare per le aspiranti banconiste c’è quella di “non essere grasse”.

Il pasticcere è stato subito attaccato da molti utenti della rete per questo annuncio discriminatorio, l’uomo infatti aveva scritto:

Cerco personale con reale voglia di far parte di un progetto lavorativo che ci porti ad essere i numeri uno, cerco esperienza ma soprattutto professionalità. Non cerco ragazze grasse. La bella presenza è richiesta ma non del tutto importante.

L’annuncio è poi proseguito con la ricerca anche di un aiuto pasticcere, che non doveva avere nessun prerequisito fisico. L’annuncio ha fatto scalpore con utenti che difendevano il pasticcere molto noto a Brindisi e altri che lo criticavano duramente. È proprio l’uomo che ha vergato la proposta di lavoro a spiegare le sue motivazioni attraverso un post nel suo profilo Facebook e dicendo di essere stato frainteso:

“Lungi da me voler offendere le ragazze formose. (…) Me ne avete dette di tutti i colori. Anche a mia moglie, che in questa storia non c’entra niente. (…)Sappiate accettare le scuse sincere di una persona e finirla con lo show che si è creato. (…) E’ facile parlare, senza sapere quali sono le motivazioni di un gesto che compie una persona quando è arrabbiata”. 

A quanto racconta il pasticcere di Brindisi l’annuncio, con tanto di errore grammaticale, è stato scritto dopo un diverbio con due ragazze in un gruppo di cerco/offro lavoro: insomma lo ha scritto nei 5 minuti di nervoso.

Un’ammissione di colpa che sulla sua bacheca è stata apprezzata da molti anche se alcuni clienti storici hanno assicurato di non volersi più fornire nella pasticceria dell’uomo. Tra tutti i commenti apparsi sotto il post il più bello forse è quello di Ale che scrive: “Scuse accettate, ora assumi una ragazza con taglia superiore alla 46, domenica dolci gratis per tutti e non ne parliamo più”.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...