Stop alla caccia ai rinoceronti. È questo il messaggio che Charlène di Monaco ha lanciato attraverso il suo profilo Instagram che conta più di 280mila follower. La principessa è nuovamente in prima linea a supporto della battaglia contro il bracconaggio in Sudafrica e ha condiviso un appello ricordando l’efferata strage degli animali:

Il corno dei rinoceronti non è bello! Uniamoci sotto la mia iniziativa #ChasingZero e poniamo fine alle atrocità che mettono in pericolo i nostri animali”.

Niente colori pastello, né tantomeno pizzi e merletti: Charlène nelle foto ha scelto un approccio molto più strong, lontano anni luce dai cliché royal abituali. Nell’appello per la difesa e la tutela dei rinoceronti in via di estinzione a causa dei bracconieri che li uccidono per il prezioso corno d’avorio, Charlène Wittstock, questo il suo cognome da nubile, ha optato per un’immagine in bianco e nero, accompagnato da un claim, Rhino Horn is Not Cool, scritto con il sangue

Charlène di Monaco, taglio semi rasato e ultra rock per la principessa

Il post ha immediatamente ottenuto grande risonanza mediatica contando al momento più di 18mila like, un numero che non smette di crescere. Ha anche ricordato l’indirizzo della sua fondazione dove ha ribadito l’appello:

“Se non facciamo subito qualcosa per salvare i nostri rinoceronti e gli animali in via di estinzione, poi sarà troppo tardi. Con la nostra iniziativa #ChasinzgZero, possiamo fermare l’atrocità del bracconaggio degli animali ed educare le persone alla conservazione e a preservare”.

Charlene di Monaco, classe 1978, ha più volte utilizzato i social per condividere foto e video contro l’uccisione dei rinoceronti. Lontana dal Principato da gennaio 2021, ufficialmente per motivi di salute, ai microfoni di South Africa 702 ha parlato sia del suo problema alle orecchie e alla cavità nasale sia dell’operazione che l’ha costretta a rimanere nel Paese dove è cresciuta e dove resterà, come ha dichiarato, fino alla fine di ottobre 2021.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!