logo
Stai leggendo: La regione non gli paga le cure, Donato va in clinica grazie ai social

La regione non gli paga le cure, Donato va in clinica grazie ai social

Ad aiutarlo ci hanno pensato i social grazie alla pagina Facebook "Aiutiamo Donato": 33mila euro sono i soldi arrivati fino a questo momento.
donato

È una storia (quasi) a lieto fine quella di Donato, un giovane che due anni e mezzo fa è stato vittima di un incidente stradale. Era il 30 gennaio 2016 quando venne travolto da un’auto mentre si trovava in scooter: lui stava lavorando, era un rider, manteneva così i suoi studi. La mattina sui libri, la sera consegnava pizze a domicilio. Quella sera, però, un’auto lo ha investito riportando gravissimi danni soprattutto a livello cerebrale. Per i medici Donato sarebbe rimato in stato vegetativo e, invece, adesso può muovere un braccio e una gamba, comunica ma non può parlare.

Donato, intanto, ha cambiato tre cliniche: prima a Imola, poi a Sant’Angelo dei Lombardi e infine in Austria dove si trova adesso. Sua mamma è stata costretta a licenziarsi dal lavoro: solo così ha potuto dedicarsi al figlio, non lasciandolo mai da solo. L’affitto della stanza in Austria, a Hochzirl, costa 1.500 euro al mese mentre le cure in clinica 1.000 euro al giorno. Una spesa quest’ultima che è stata coperta dalla Regione Campania per tre mesi: non sarebbe più così da ieri. Spese che, dunque, d’ora in poi dovrebbero essere a carico della sua famiglia.

Ad aiutare Donato ci hanno pensato i social grazie alla pagina Facebook “Aiutiamo Donato”. 33mila euro sono i soldi arrivati fino a questo momento: una cifra considerevole ma che, purtroppo, non basterà per pagargli le cure. Serve uno sforzo maggiore, una solidarietà che possa consentire a Donato di curarsi in tutta tranquillità. “Il medico che lo visitò per conto della Regione — racconta Lella, mamma di Donato — disse di ritenere questa degenza inutile e mi avvertì di non tornare più da lui perché non avrebbe autorizzato altri contributi. Ma intanto mio figlio ha fatto progressi e io ho il dovere di andare avanti. E spero proprio che la burocrazia si passi una mano sulla coscienza si legge sul Corriere.it.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...