Con l’inizio della Fase 2, quella della convivenza con il Covid-19, sempre più auto torneranno a circolare. In tutta Italia si sono già registrate le prime code, nonostante gli inviti alla cautela e a limitare al minimo gli spostamenti.
Se è vero che l’allentamento del lockdown ci ha permesso di tornare a muoverci con più libertà, non è detto che bisogna abusarne dal momento che l’epidemia non si è, purtroppo, ancora arrestata.

Quali sono quindi le regole da rispettare per gli automobilisti (e i motociclisti)? Ovviamente, la mascherina, che deve essere indossata anche a bordo nel caso in cui ci siano altri passeggeri.
Se in auto, oltre al conducente, ci sono più di due passeggeri, è obbligatorio lasciare libero il posto centrale di ciascuna fila di sedili.

Per chi viaggia su due ruote, la mascherina è sempre obbligatoria, a meno che non si indossi un casco integrale a visiera chiusa.

Un altro capitolo che riguarda chi si sposta con auto e moto è quello delle Autocertificazioni: con l’inizio della Fase 2 chi esce da casa ne deve sempre avere con sé una copia aggiornata. Tuttavia, chi si sta recando a lavoro, oltre a un documento di riconoscimento, può esibire al suo posto un badge o un tesserino aziendale.

Ricordiamo in fine che utilizzare la propria auto o la propria moto è consentito solamente per alcune attività: oltre che per raggiungere il posto di lavoro, si possono utilizzare per andare al supermercato o recarsi presso gli altri negozi la cui riapertura è stata consentita dall’ultimo DPCM. Si può andare a fare controlli medici o esami.

Fase 2, spostamenti tra Regioni: chi potrà farlo e come

Si possono inoltre usare mezzi di trasporto personali per raggiungere un luogo scelto per fare sport all’aperto, per esempio un parco pubblico, purché sia sempre all’interno della propria regione. Le passeggiate sono vietate così come le gite e gli spostamenti per raggiungere una seconda casa.

Articolo originale pubblicato il 10 Maggio 2020

La discussione continua nel gruppo privato!