Fiorella Mannoia, 67 anni, è una delle cantanti più amate del nostro Paese, che ha sempre scritto canzoni sulle donne e per le donne: ora, parla dell’importanza di combattere il patriarcato con la consapevolezza.

In un’intervista a Repubblica, Fiorella Mannoia ha parlato in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, il 25 novembre, di quanto sia importante sensibilizzare gli uomini su questo tema. “Dobbiamo toglierci dalla testa di essere crocerossine, non salviamo nessuno, questi uomini non cambiano“, ha dichiarato a Repubblica, calcando sul fatto che devono essere gli uomini i primi a capire di dover cambiare mentalità e che si tratta di un lavoro da fare tutti insieme.

La cantante ha ragionato su come la società impone alle donne di essere sottomesse agli uomini e di quanto questo sia deleterio sia per le donne che per gli uomini. “Una donna sottomessa non è un buon esempio. Le mamme con i maschi tendono a giustificare e ad accogliere come se fossero più deboli“, ha commentato Fiorella Mannoia.

Inoltre, si è soffermata sulla mentalità malsana dello scambiare comportamenti negativi maschili, come la gelosia estrema e la possessività, per gesti d’amore. Una mentalità che va cambiata non solo negli uomini, ma anche nelle donne che devono liberarsi da questa imposizione sociale che tendiamo a interiorizzare.

Spesso i drammi si consumano in famiglia e non confessi quello che succede neanche a tua madre, a tuo padre o alle amiche. Vogliamo essere libere di dire di no“, ha spiegato Fiorella Mannoia, ribadendo l’importanza di parlare del problema.

Certo, questo non è sempre facile e troppo spesso le donne soffrono in silenzio, convinte da una società patriarcale che, in fondo, non è poi così grave e che gli uomini “sono fatti così”. A questo, poi, si aggiunge la paura di non essere adeguatamente tutelate dalle autorità.

Proprio su questo punto si è soffermata Fiorella Mannoia, che ha dichiarato con forza: “Se una donna denuncia e un uomo soggetto a restrizione si avvicina, arrestatelo“.

"Uomini ribellatevi", l'invito di Fiorella Mannoia contro la cultura dello stupro

La cantante ha poi specificato che dedicherà una puntata del suo show La versione di Fiorella, su Rai3, proprio sul tema della violenza contro le donne, nell’appuntamento televisivo del 26 novembre.

La Versione di Fiorella è un programma in seconda serata che la cantante ha pensato come una sorta di salotto in cui discutere di temi delicati e soggetti artistici insieme a ospiti speciali come Rkomi, Gigi d’Alessio e Jorit e Jago.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!