La morte di Davide Astori, Francesca Fioretti: “Voglio la verità”

Il processo per la morte di Davide Astori proseguirà il 2 aprile. Il 4 febbraio, all'udienza in cui è stata letta la perizia, ha presenziato anche Francesca Fioretti, compagna del calciatore.

Francesca Fioretti per la prima volta ha parlato della tragica vicenda che ha vissuto nel marzo 2018, la morte del marito, il calciatore della Fiorentina Davide Astori. Lo ha fatto dalla sua pagina Instagram, il 2 febbraio, a corredo di una dolcissima foto in ricordo di Davide, in cui compaiono insieme di spalle, con la figlia, Vittoria, nata nel 2016.

Le sue parole si riferiscono al responso della perizia disposta dal gup Angelo Antonio Pezzutti, con cui si cerca di far luce sulle cause del decesso e su eventuali responsabilità. Secondo le conclusioni a cui sono giunti i due superconsulenti del Tribunale di Firenze incaricati della perizia, il medico legale Gian Luca Bruno e il luminare Fiorenzo Gaita, la morte del capitano della Fiorentina non poteva essere evitata.

Questo il post pubblicato quel giorno da Francesca.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Francesca Fioretti (@francesca_fioretti)

In questi anni ho sempre voluto evitare dichiarazioni pubbliche sulla morte di Davide e sul processo in corso. Ho sempre confidato che l’onestà e la pulizia che Davide ha dimostrato fuori e dentro il campo avrebbero portato a risposte altrettanto oneste e pulite. È ancora così, ho ancora fiducia che accada. Leggo in queste ore notizie che non sarebbero dovute essere divulgate. Resto stupita da questo passo così avventato e dal fatto che venga fornita un’interpretazione parziale e contraddittoria di una perizia medica che rappresenta a ogni modo solo una di quelle di cui dispone la magistratura. Il processo in corso serve ad arrivare a una verità, che non sarà consolatoria in ogni caso: l’idea che la morte di Davide potesse essere evitata aumenta persino il dolore.

Ma se esisteva anche la più piccola possibilità che avesse a disposizione un minuto in più, un’ora in più o la sua vita intera, io credo che quella possibilità dovesse essere esplorata, che lui meritasse di averla e che tutto ciò che l’ha ostacolata debba in caso venire alla luce. Per lui e per evitare che succeda di nuovo. Nutrivo molti dubbi sull’essere presente di persona alla prossima udienza, ora sento di dover essere lì, a dimostrare simbolicamente, con forza e senza rancore, che è solo in quell’aula che la verità potrà essere accertata, accettata e condivisa. Il passato e il futuro ci chiedono di essere coraggiosi.

L’attrice nel suo lungo post social dichiara di aver scelto di parlare della vicenda a seguito della divulgazione di notizie parziali che non sarebbero dovute essere diffuse e che forniscono “un’interpretazione parziale e contraddittoria di una perizia medica che rappresenta solo una di quelle di cui dispone la magistratura”. La donna ha inoltre dichiarato che avrebbe presenziato in aula, il successivo 4 febbraio, all’udienza che vede imputato con l’accusa di omicidio colposo il professor Giorgio Galanti -l’allora responsabile sanitario della Fiorentina – per “dimostrare simbolicamente, con forza e senza rancore, che è solo in quell’aula che la verità potrà essere accertata, accettata e condivisa”.

Nell’udienza, che ha visto ascoltati i due tecnici che hanno redatto la perizia disposta dal giudice, in cui si sostiene che la vita del calciatore avrebbe potuto essere salvata, come si legge su La Nazione, è stato confermato che Davide Astori è morto per un’aritmia ventricolare maligna, provocata dalla patologia cardiaca mai diagnosticata. Nella relazione i periti avrebbero sostenuto che la sola speranza, per Astori, sarebbe stata installargli un defribillatore la notte precedente alla morte, eventualità ovviamente impensabile visto che, come detto, il problema cardiaco non era mai stato rilevato, e difficilmente sarebbe stato scoperto anche con l’ausilio dell’holter.

Il processo continuerà il 2 aprile, e Francesca Fioretti ha già detto che ci sarà.

È stata un’udienza significativa, confermo e ribadisco la fiducia nella giustizia e il 2 aprile sarò di nuovo qui.

Le sue parole.

Davide è stato trovato senza vita la mattina del 4 marzo 2018 nella sua stanza in un hotel a Udine, dove si trovava in ritiro con la squadra.

Davide Astori, cos'è la bradiaritmia e perché il cuore rallenta fino a fermarsi

Francesca, che in questi anni ha sempre mostrato massima riservatezza sulla vicenda, preferendo il silenzio e la discrezione, fa ora sentire la sua voce con lo stesso coraggio e la dignità sempre mostrata in questo difficile periodo.

In un’altra occasione in passato la donna aveva scelto di parlare pubblicamente della sua storia. Lo aveva fatto in una toccante intervista rilasciata a Walter Veltroni per il Corriere, in cui consegnò alla penna del giornalista e politico romano parole piene d’amore e coraggio.

“L’unica cosa più forte del dolore”: le parole di Francesca per Davide Astori

Articolo originale pubblicato il 3 Febbraio 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!