logo
Galleria: “Voleva trovare pace, era un’anima fragile”: la lettera della famiglia di Avicii

"Voleva trovare pace, era un'anima fragile": la lettera della famiglia di Avicii

Avicii, morto il 20 aprile in Oman, era un ragazzo fragile e tormentato che voleva solo trovare la sua pace. Chissà se adesso è davvero riuscita a trovarla.

Avicii, un ragazzo pieno di talento conosciuto in tutto il mondo, che nascondeva al pubblico un animo fragile e una vita complessa, e che ha deciso di togliersi la vita a soli 28 anni.

Dopo la sua improvvisa e incredibile morte a Stoccolma, la città del dj, si sono radunate in piazza migliaia di persone per rendere omaggio ad Avicii e alla sua musica. In Olanda le campane della città di Utrecht hanno suonato alcune parti delle hit di Avicii tra cui Wake me Up, Hey brother, Without you. La sera del 21 aprile Kygo, musicista norvegese, ha regalato un tributo al dj scomparso durante la sua esibizione al secondo week end di Coachella.

La sua scomparsa, avvenuta il 20 aprile a Muscat, capitale dell’Oman, ha davvero sconvolto chiunque e non pensare a lui e alla sua morte precoce è davvero difficile. Tutto il mondo della dance music, quella stessa di cui negli ultimi anni era stato un esponente di spicco, con pezzi rimasti a lungo nella top list dei più ballati, lo ricorda e lo piange ancora adesso, a distanza di mesi.

Si conoscevano alcuni problemi di salute del dj, dovuti all’abuso di alcol, ma pare che quello non fosse l’unico vero motivo che lo aveva spinto ad allontanarsi dalle scene e ad annunciare precocemente il ritiro, nel 2016.

La famiglia ha mantenuto, nelle settimane successive alla notizia, una fortissima e comprensibile discrezione riguardo le informazioni sulla morte, anche se, dopo poco più di un mese, è emersa la scioccante rivelazione che il giovane dj si sarebbe tolto la vita, utilizzando una bottiglia di vino rotta. Tuttavia sono state rilasciate alcune dichiarazioni da parte dei famigliari stessi, dove l’artista viene descritto come una persona fortunata, piena di talento ma poco felice.

“Voleva trovare la pace”  hanno scritto i parenti, e noi ci auguriamo con tutto il cuore che ora il talentuoso dj l’abbia trovata.

Il suo funerale si è svolto a giugno, nella sua Stoccolma, dove adesso, forse, potrà davvero tornare a quella serenità che in vita aveva perso.

Visualizza questo post su Instagram

❤️

Un post condiviso da Jesse Waits (@jessecwaits) in data:

Nella gallerie di seguito abbiamo riportato tutte le dichiarazioni fatte da chi gli è stato vicino in questo difficile periodo.

“Voleva trovare pace, era un’anima fragile”: la lettera della famiglia di Avicii

"Voleva trovare pace, era un'anima fragile": la lettera della famiglia di Avicii
Foto 1 di 9
x