Junior Cally, chi è il rapper che parla di femminicidio - Roba da Donne

Junior Cally è al centro di una vasta protesta. La sua partecipazione al Festival di Sanremo 2020 con il brano No, grazie – un brano politico, definito antipopulista – potrebbe essere in forse: in tanti chiedono la sua esclusione, per via di vecchi testi sessisti e dei versi che inneggiano al femminicidio.

Uno in particolare, quello di Strega che, con annesso video, in queste ore è passato al setaccio di opinionisti e utenti social. Nel videoclip, in un punto, si mostra una donna legata a una sedia con una busta in testa, mentre il rapper pronuncia le parole

Lei si chiama Gioia, ma beve poi ingoia
Balla mezza nuda, dopo te la dà
Si chiama Gioia perché fa la tro*a
Sì, per la gioia di mamma e papà
Questa frate’ non sa cosa dice
Porca tro*a, quanto cazzo chiacchiera?
L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa
C’ho rivestito la maschera.

Il video in questione risale al 2017 – non troppo tempo fa, tra l’altro è stato l’anno dei #MeToo e quindi di un passo in avanti nella sensibilizzazione contro la violenza di genere. È un tempo sufficiente per dire che Junior Cally abbia voltato pagina, che sia tutto nel passato? Si può pensare che sia il rap come genere a perpetuare determinati stereotipi misogini?

Junior Cally per il momento non si è pronunciato sulla polemica del momento, affermando al Quotidiano che Strega rientra nella sua libertà artistica, come ha fatto per esempio Eminem con Stan o Stanley Kubrick che in Arancia Meccanica mostrò più stupri feroci. Ha invece parlato del fatto di essere stato arrestato e condannato per furto, avvenimento che viene accennato nel brano Dedica.

Non rinnego niente di me – ha detto – ma non vado certo fiero dei miei sbagli. Ho fatto una bravata, una cavolata, ma non sono un gangster.

Chi è Francesca Sofia Novello, che non sta un passo dietro a Valentino Rossi

Non si sa se Amadeus deciderà di fare un passo indietro con Junior Cally – soprattutto perché è stato il conduttore, a sua volte, al centro di una polemica per alcune frasi sessiste pronunciate durante la conferenza stampa di presentazione di Sanremo. I toni sui social si scaldano e sono molte le personalità della cultura e del femminismo che si interrogano se in effetti sia il caso di far esibire e gareggiare il rapper.

Ecco chi è Junior Cally – si legge sulla fanpage Facebook di Lunàdigas, progetto di sostegno alle donne – uno dei “big” scelti da Amadeus (?!) per Sanremo.
Ci sarà chi invocherà la libertà dell’arte, chi lo spauracchio della censura. C’è chi dirà che abbiamo visto e sentito di peggio.
Tutto vero.
Il punto è che in questo caso si poteva scegliere, e si è scelto di portare sulla rete ammiraglia Rai, sulla televisione pubblica, chi si fa portavoce di un linguaggio e di un pensiero estremamente violento nei confronti delle donne.
Per carità, i testi di questo ‘poeta contemporaneo’ sono infarciti di rabbia e violenza un po’ verso chiunque, come insegna quasi tutta la narrazione sull’adolescenza incazzata, ribelle e contro tutto.
Peccato che questo soggetto, a differenza del pubblico che lo segue, gli anni dell’adolescenza li abbia passati già da un pezzo. Ma non per questo smette di lucrare facendo leva sugli istinti più bassi e vomitevoli dell’animo umano.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire la storia e la carriera di Junior Cally.

Chi è Junior Cally, il rapper che insulta e ammazza le donne nelle sue canzoni
Fonte: Facebook @ Junior Cally
Foto 1 di 10
Ingrandisci